Tempo di lettura: 3 Minuti

TV e discriminazione, la situazione italiana

TV e discriminazione, la situazione italiana

Le invitano, le richiedono velate, se dicono di no vengono scartate. Le ragazze musulmane e la TV del nostro paese. Le giovani musulmane non vogliono

Lo smartphone ti controlla e le app ti tracciano anche se le cancelli
TEDx Youth 2018: il 17 febbraio a Bologna
Un mondo di app per un mondo di donne

Le invitano, le richiedono velate, se dicono di no vengono scartate. Le ragazze musulmane e la TV del nostro paese.

Le giovani musulmane non vogliono più apparire in TV.

Il perché è molto semplice: molto spesso viene richiesto loro di indossare il velo.

Potrebbe non sembrare un problema così grande, invece lo è. Essenzialmente pensate alle ragazze cattoliche che vengono chiamate per un programma TV e devono per forza esibire il crocifisso. Le testimonianze sono tante e nella maggior parte dei casi le giovani sono state contattate tramite i social per un’apparizione, per testimoniare la loro “condizione” e gli viene obbligatoriamente richiesto di indossare il velo. #Malemale

Ed è così che il non voler discriminare, il voler far conoscere all’Italia la vita di queste ragazze diventa discriminazione. Viene fatta notare la diversità, nonostante si vuole fare il contrario. Molte si chiedono se tanti musulmani come loro accettano davvero il fatto di essere umiliati tramite le solite domande “siete tutti così?”.

Come al solito ci affidiamo completamente agli stereotipi, probabilmente questi NO non cambieranno nulla, ma intanto ci speriamo.

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0