Tempo di lettura: 2 Minuti

Mosca: un’Università “spaziale”

Mosca: un’Università “spaziale”

Apre i battenti la 43ma facoltà di ricerche spaziali. È l'ultima arrivata fra le numerose schiere delle università di Mosca ma è unica nel suo genere:

SapienzaSport: il 25 ottobre si parte dal calcio
Trieste è biotecnologica: ecco come fare per accedere all’Università
Una studentessa rischia il lavoro per colpa dell’università di Bari

Apre i battenti la 43ma facoltà di ricerche spaziali.

È l’ultima arrivata fra le numerose schiere delle università di Mosca ma è unica nel suo genere: è la facoltà di ricerche spaziali.
Ma di cosa si tratta?

A risolvere l’enigma è proprio il rettore dell’ateneo Viktor Sadovnichij:

“Questa facoltà si occupa di quello che ancora non è stato indagato, dello spazio, un buco nero, del comportamento umano nello spazio, in assenza di gravità. Alla scienza di base è associata esplorazione dello spazio. La nostra facoltà sarà dedicata alla formazione di professionisti nel campo della ricerca spaziale, con un focus sulle conoscenze fondamentali secondo le capacità della nostra università”.

Nel nuovo percorso didattico saranno tantissime le novità:

sarà presente il primo centro di controllo missione che renderà possibile finalmente attività operative tecniche per la direzione di lavori, ricezione di informazioni, attività di telemetria,comunicazioni radio con gli astronauti della ISS, fino alla gestione di piccoli veicoli spaziali.

Ad accompagnare tutto questo ci saranno poi le materie principali di facoltà come la matematica, la biologia, la chimica e, ovviamente, l’astronomia.
I corsi partiranno il prossimo settembre e sarà inaugurata ufficialmente la nuova facoltà, la quarantatreesima ad occuparsi del grande mistero del cielo.

Di Laura Messedaglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0