Tempo di lettura: 1 Minuti

L’Università di Pisa fra le 20 migliori d’Europa nella “European Human Rights Moot Court Competition”


L’Università di Pisa fra le 20 migliori d’Europa nella “European Human Rights Moot Court Competition”


Il team vincente è composto da Del Carlo, Guarracino, Ridarelli e Vieri. In bocca al lupo per la finale ragazzi! #FacceCaso. Quattro ragazzi di Giuris

A scuola con…Nicolò Zaniolo
Anche Instagram ha introdotto l’orario di accesso
Se gli inquinanti uccide, la salvezza è il TG USA 2.0

Il team vincente è composto da Del Carlo, Guarracino, Ridarelli e Vieri. In bocca al lupo per la finale ragazzi! #FacceCaso.

Quattro ragazzi di Giurisprudenza dell’Università di Pisa strappano il pass per accedere alla finale della “European Human Rights Moot Court Competition” che si terrà a Strasburgo dal 12 al 17 febbraio. La competizione consiste in una simulazione processuale organizzata dall’European Law Students Association (ELSA), in collaborazione con il Consiglio d’Europa e aperta alle università dei 47 paesi che lo compongono.

La squadra selezionata fra le 20 finaliste è composta da Vieri Biondi, pisano fresco fresco di laurea magistrale, Livio Del Carlo di Viareggio, Martina Guarracino di Padova e Benedetta Ridarelli di Gubbio.

Il tema di quest’anno riguarda il terrorismo. Nella fase preliminare, i ragazzi hanno redatto due memorie, una per ciascuna delle parti, della lunghezza di venti pagine in lingua inglese, su un caso creato ad hoc per la competizione. Nella finale gli studenti dovranno calarsi nella parte degli avvocati delle due parti discutendo sempre in inglese davanti alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.

“Mi ha fatto piacere incontrare Benedetta, Livio, Martina e Vieri e apprezzare di persona la loro grande soddisfazione per il prestigioso traguardo raggiunto. Dobbiamo essere pronti come Ateneo a valorizzare e incentivare esperienze di questo tipo. Un bell’esempio di studenti, laureandi e laureati che si impegnano a fondo nelle attività quotidiane di studio e che riescono a farsi valere nel proprio settore di competenza, a testimonianza della loro personale bravura ma anche dell’elevata qualità della formazione fornita dall’Università di Pisa. Li ho ringraziati per il contributo che stanno dando nell’accrescere il prestigio del nostro Ateneo oltre i confini nazionali e li ho salutati con un caloroso ‘in bocca al lupo’ per la fase finale della competizione” ha fatto sapere il rettore Paolo Mancarella.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0