Tempo di lettura: 3 Minuti

Musica tra i banchi di scuola

Musica tra i banchi di scuola

Rap, pop, ma anche... Chi la considera come compagna di vita o chi come un incomodo, chi vive aspettando un concerto o chi lo considera un dispendio

Canottieri italiani, l’Università di Bari vi aspetta!
Studenti in protesta: niente tagli alle borse di studio

Huawei P20 Pro smartphone dell’anno per l’Eisa

Rap, pop, ma anche…

Chi la considera come compagna di vita o chi come un incomodo, chi vive aspettando un concerto o chi lo considera un dispendio inutile di soldi, la musica è in qualche modo presente nella vita di ognuno di noi. “Non credo sia possibile cucinare senza sottofondo” così rispondono gli studenti fuorisede che dopo una lunga giornata di studio, combattono la nostalgia di casa con qualche nota del loro cantante preferito. “Ho conosciuto il mio attuale marito al concerto di Vasco Rossi, come potrebbe, la musica, non essere essenziale per me?”

Insomma per tanti rappresenta qualcosa di totalmente positivo, provato scientificamente che rilassi la mente, c’è anche chi ne farebbe volentieri a meno, ma che ne pensano le scuole? Alle elementari molto spesso è presente la materia “musica” che non entusiasma molto gli alunni (almeno così era nella mia classe) dato che la canzone più moderna che ci facevano suonare era l’inno alla vendemmia datato circa 1800. Anche alle medie il flauto continua a perseguitare gli alunni che molto spesso preferiscono dilettarsi in corsi gratuiti, nell’orario pomeridiano, offerti dalla scuola dove è possibile suonare sassofono, tromba, batteria, chitarra o altri strumenti. Ogni strumento è offerto dalla scuola, un’opportunità molto interessante per i giovanissimi.

Ma cosa ascoltano gli adolescenti? Di certo il genere più quotato è il rap “dice le cose come stanno senza filtri” lo definiscono alcuni “mi piace perchè mi aiuta a riflettere” si spazia da Gemitaiz alla DarkPoloGang, in seconda posizione arriva il pop con Justin Bieber come più quotato. La DarkPoloGang, ad esempio, vive nel limbo tra odio e amore, tra haters e fans,il loro stile è bacchettato da molti perchè non propriamente rap ma altri di conseguenza affermano che non per forza la musica deve avere un etichetta, una sezione.

C’è chi dopo anni ed anni detiene ancora il record di dischi venduti, i più venduti in assoluto al mondo sono: “Thriller” by Michael Jackson, “Back In Black” by AC/DC e “The Dark Side Of The Moon” by Pink Floid. Tutti artisti e band che hanno rappresentato l’infanzia delle generazioni precedenti la nostra, quando la discoteca di pomeriggio era un cult e non esistevano mp3 o computer, erano sostituiti dai giradischi, tutta un’altra storia!

Ma chi ha venduto di più tra gli artisti della scena rap italiana?

Il primo posto, per il 2016, è occupato da Salmo con “Hellvisiback” , rivelazione dello scorso anno, è rimasto per tutto l’anno in cima alla classifica. Seguito da Marra e Gue’ con “Santeria” album uscito nel giugno 2016 ha venduto 42.343 copie.

I tour di questi artisti hanno riempito i club portandosi a casa molti sold-out, Salmo ha addirittura in programma date fuori dall’Italia!

#FacceCaso !

Di Claudia Biasci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0