Tempo di lettura: 1 Minuti

Netflix e gli altri condivisibili su una piattaforma. Metodo illegale o sharing geniale?

Netflix e gli altri condivisibili su una piattaforma. Metodo illegale o sharing geniale?

Together Price è un sito, nato a Roma, che permette di trovare persone con cui pagare i servizi in streaming. Unico problema la sua legalità, ma intan

Youpol, l’app contro il cyberbullismo
European Youth Event : Strasburgo lascia spazio ai giovani
ForTune: la nuova frontiera della radio

Together Price è un sito, nato a Roma, che permette di trovare persone con cui pagare i servizi in streaming. Unico problema la sua legalità, ma intanto è boom di utenti.

Già 30.000 iscritti e ancora non sappiamo se sia legale o no. Sembra un paradosso digitale, ma è invece la grande domanda che si annida intorno a questa nuova piattaforma di sharing a pagamento, Together Price, nata dall’originale idea di iQuii, società con sede a Cinecittà che si occupa di soluzioni software a 360 gradi.
Fondata da Fabio e Mirko Lalli, la loro impresa venne rilevata al 51% un anno fa dalla multinazionale Be, che diede 400 mila euro, proprio grazie all’interesse suscitato da Together Price.

Funziona in modo molto semplice: se si è possessori di un abbonamento per servizi come Netflix, Spotify, Apple Music, Xbox Live, Google Play Music, Office 365 e molte altre piattaforme, è possibile creare un annuncio in cui viene offerta la condivisione dell’offerta dividendo i costi. Un po’ quello che spesso viene fatto con un gruppo di amici che decide di “smezzare” l’account Netflix, solo che in questa circostanza le persone vengono scelte tramite web. L’incasso dello sharing finisce in un portafoglio interno al sito, da cui si potrà pagare ogni account.

In merito agli aspetti legali ci ha pensato Sabrina Taddei, tra le fondatrici, a chiarire la domanda: “Noi ci limitiamo a far incontrare domanda e offerta, ricordando per giunta agli utenti, quando inseriscono l’annuncio, i termini sottoscritti con le singole piattaforme, che spesso consentono la condivisione ma solo nell’ambito familiare”.

Aspetti quindi controversi, ma che non precludono l’originalità e utilità della proposta, che infatti ha già conquistato un numero importante di estimatori.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0