Tempo di lettura: 3 Minuti

Together Price: la piattaforma per condividere gli abbonamenti in streaming

Together Price: la piattaforma per condividere gli abbonamenti in streaming

Se da quando è comparso Netflix la tua vita sociale è andata a farsi fottere ti do un consiglio, non leggere questo articolo. #FacceCaso. Se sei arri

A Napoli il primo centro di sviluppo app in Europa
Tante opportunità di formazione con IllyCaffè! Apre una nuova Università del Caffè
Il prof Dattilo da record: 50 anni di insegnamento al liceo artistico di Torino

Se da quando è comparso Netflix la tua vita sociale è andata a farsi fottere ti do un consiglio, non leggere questo articolo. #FacceCaso.

Se sei arrivato a questo punto, ormai è troppo tardi, io ci ho provato a salvarti, non mi assumo responsabilità.

Un gruppo di romani DOC come me, ha appena inventato Together Price, la piattaforma per condividere gli abbonamenti in streaming.

Negli ultimi mesi la piattaforma ha contagiato la bellezza di 30mila utenti che hanno deciso, di comune accordo di spezzettare i propri abbonamenti a Netfix, Spotify, Apple Music, Xboh Live e chi più ne ha, più ne metta.

Come funziona? Niente di più semplice. Se hai sottoscritto un abbonamento, basta creare una sorta di annuncio per la condivisione e decidi a chi concedere uno degli accessi a tua disposizione e incassi la quota relativa tramite un portafgolio interno alla piattaforma.

Sabrina Taddei, una delle fondatrici insieme al fratello Marco e all’amico d’infanzia Luca Ugolini, tutti sotto i 35 anni ha raccontato: “Con un sistema sicuro, chi mette l’annuncio vede la cifra cercata dagli utenti con cui sta dividendo l’abbonamento ma lo riceve solo alla fine del mese”.

Ma in tutto ciò, una domanda sorge spontanea: sicuri che sia legale? “Noi ci limitiamo a far incontrare domanda e offerta – risponde Taddei ricordando per giunta agli utenti, quando inseriscono l’annuncio, i termini sottoscritti con le singole piattaforme, che spesso consentono la condivisione ma solo nell’ambito familiare”. Insomma, potete stare tranquilli. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0