Tempo di lettura: 2 Minuti

Giorgio Armani sponsorizza giovani registi

Giorgio Armani sponsorizza giovani registi

È stata presentato ad Austin, in Texas, la terza edizione del progetto, che coinvolge giovani registi, Films of city Frames, finanziato da Giorgio Arm

La pazza gioia di essere romanisti
Ciao Windows Paint!
Manfredi e le belle promesse in una videointervista alle Iene

È stata presentato ad Austin, in Texas, la terza edizione del progetto, che coinvolge giovani registi, Films of city Frames, finanziato da Giorgio Armani.

È una bella iniziativa quella che lo stilista italiano porta avanti da qualche anno, e cioè consentire a giovani ragazzi, studenti presso le scuole di cinema sparse in tutto il mondo, di realizzare un prodotto cinematografico. Hanno partecipato quest’anno studenti provenienti da scuole di Boston (Emerson College), Ludwigsbourg (Filmakademie Baden-Württemberg), Pechino (Beijin Film Academy), Praga (Prague Film School) e Tel Aviv (Steve Tisch School of Film and Television). Non è stato previsto un unico vincitore ma è stata data a tutti la possibilità di vedere proiettato il proprio lavoro sul grande schermo del South by Southwest Festival di Austin.

Chiaramente i film sono legati alla produzione di Armani, più precisamente ad una collezione di occhiali, ed è dunque ovvio che quest’ultimi siano ben presentati all’interno delle cinque produzioni.

Il progetto è stato realizzano con la collaborazione di Luxottica e di Rai Cinema. Nelle due precedenti edizioni i film sono stati proiettati rispettivamente durante il Toronto Film Festival e durante il BFI London Film Festival.

Da qui si evince una particolare propensione dello stilista a far emergere i giovani, cosa che non risulta una novità per lui. Infatti già da tempo consente a stilisti emergenti di proporre le proprie collezioni presso l’Armani/Teatro.

Fa sempre piacere sapere che ci siano persone esperte e realizzate dal punto di vista lavorativo che danno una mano ai più giovani, che tentano di emergere ma non sempre hanno le risorse adeguate. Un unico dispiacere? Non aver visto la partecipazione di una scuola cinematografica italiana. #FacceCaso.

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0