Tempo di lettura: 1 Minuti

Quando è troppo è troppo: WhatsApp torna ai vecchi status

Quando è troppo è troppo: WhatsApp torna ai vecchi status

Le stories pure sull’app di messaggistica si sono rivelate inutili, in un mercato già eccessivamente affollato. Si torna agli stati. Snapchat, Instag

I talks del TED più importanti se si parla di Social Media Marketing
Nasce la collana di fumetti targata Feltrinelli Comics!
Studente timido? La soluzione è SpeakUp!

Le stories pure sull’app di messaggistica si sono rivelate inutili, in un mercato già eccessivamente affollato. Si torna agli stati.

Snapchat, Instagram, Facebook, Whatsapp, Messenger. Tutte le principali piattaforme social presenti sul mercato si sono lanciate, soprattutto negli ultimi mesi, sulla moda che più impazza: le foto didascaliche e modificabili della durata massima di un giorno.
Certo, è la logica del mercato: se un prodotto tira bisogna sfruttarlo, ma forse a Menlo Park, detentori di 4/5 delle basi prima citate, hanno un tantino esagerato, gonfiando il panorama anche sopra le possibilità di pubblicazione degli utenti.

È infatti fastidioso per gli altri e faticoso per se stessi pubblicare a ripetizione foto tutti i giorni su tutte le app, e così abbiamo il primo passo indietro. Da qualche giorno infatti Whatsapp ha rimosso le sue “stories” lanciate neanche un mese fa, facendo tornare i nostri profili come in precedenza, ossia foto e Status personalizzato.

Frutto probabilmente di un non eccezionale ritorno degli utenti, abbiamo quindi la prima resa su questo fronte, mentre Facebook sembra puntarci ancora forte, avendole introdotte pure su Messenger.

Quanto servirà prima che questa moda si sgonfi da sola?

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0