Tempo di lettura: 3 Minuti

Studentessa si finge nullatenente per non pagare le tasse universitarie


Studentessa si finge nullatenente per non pagare le tasse universitarie


Non è una barzelletta ma la vera storia di una finta povera neo laureata in medicina. #FacceCaso. Avete presente quel coso che si chiama I.S.E.E. che

Piemonte, A.A.A cercasi assistenti sanitari
Pianoro: assalto all’asilo dove non sono obbligatori i vaccini
Aveva elaborato le regole per la password perfetta: si rimangia tutto

Non è una barzelletta ma la vera storia di una finta povera neo laureata in medicina. #FacceCaso.

Avete presente quel coso che si chiama I.S.E.E. che dovete dichiarare per iscrivervi all’università? Bene, sappiate che I.S.E.E. sta per “Insicatore della Situazione Economica Equivalente” e in poche parole serve a documentare come se la passa il vostro nucleo familiare quando si richiedono prestazioni sociali agevolate.

Se tuo papà è amministratore delegato di 4 società, tua mamma manager di un’azienda leader nel settore delle telecomunicazioni e dichiarano un reddito annuo complessivo di 100.000 euro, hanno dieci conti correnti, alcuni anche in valuta estera, e un portafoglio titoli di tutto rilievo, per una disponibilità finanziaria complessiva di oltre due milioni, si presume tu debba pagare il tetto massimo dell’I.S.E.E. della tua Università. A maggior ragione si ci aggiungi un patrimonio immobiliare che ammonta a ben sei appartamenti ed anche uno splendido casolare di campagna di 270 metri quadri.

Ci ho tenuto a sottolineare “si presume” perché per risparmiare i 10.000 euro l’anno di tasse universitarie che avrebbe dovuto pagare possedendo tutte queste cose, una neolaureata alla facoltà di Medicina ha dichiarato di non possedere alcun reddito.

Gli accertamenti svolti dalla Guardia di Finanza hanno però ovviamente fatto emergere una realtà completamente diversa. Sono tuttora in corso gli accertamenti fiscali sui genitori, mentre al giovane medico è recentemente stata contestata una salatissima multa. Comportamenti come questi, ricorda la Finanza, non solo danneggiano l’Ente che eroga il contributo, ma anche tutti i cittadini che vedono aumentare costi dei servizi pubblici. Roba da matti. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0