Tempo di lettura: 1 Minuti

Bravo studente? Paghi meno l’università!

Bravo studente? Paghi meno l’università!

La legge di bilancio 2017 ridefinisce la tassazione universitaria, permettendo ai meritevoli di avere importanti agevolazioni economiche. Prima di

Farcebook Marketplace è arrivato in Italia
Alla scoperta di Google Datally
Moda: un romano di 16 anni è il più giovane direttore creativo al mondo

La legge di bilancio 2017 ridefinisce la tassazione universitaria, permettendo ai meritevoli di avere importanti agevolazioni economiche.

Prima di tutto il sostegno agli studenti con Isee annuale inferiore o uguale a 13mila euro, poi una novità importante e giusta. Con la legge di bilancio 2017 ( 232/2016 ) viene ridefinita infatti una nuova specificità per ricorrere a “sconti” su tasse e costi negli studi di tipo accademico.

Infatti anche se l’Isee fosse superiore a tale cifra ed entro i parametri dei 30.000 annui sarà possibile accedere all’esonero da tasse universitarie, purchè dimostrino che entro la data del primo anno abbiano conseguito oltre 10 crediti formativi con una media elevata. Anche nel caso di studenti con cittadinanza extra UE, per cui risulti impossibile il calcolo dell’Ise, ci sarà il diritto a ottenere un contributo agevolato, che in questo caso viene pensato e offerto a variazione da università a università. Piccoli passi che rendono comunque migliore e meritevole l’esperienza universitaria italiana. #BellaStoria!

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0