Tempo di lettura: 1 Minuti

Integrazione? Due ragazzi nigeriani ci provano ripulendo le strade di Roma

Integrazione? Due ragazzi nigeriani ci provano ripulendo le strade di Roma

Sognare è un atto di coraggio, Kenneth e Daniel lo sanno bene. #FacceCaso. Caro amico di #FacceCaso, oggi ti parlo di integrazione: quel fenomeno che

Insieme a lezione: la richiesta all’università da parte di uno studente e del suo cane
Supreme Italia: una questione di…falsi
Instagram si rinnova, ecco il salva-dati

Sognare è un atto di coraggio, Kenneth e Daniel lo sanno bene. #FacceCaso.

Caro amico di #FacceCaso, oggi ti parlo di integrazione: quel fenomeno che prevede (o meglio, che dovrebbe prevedere), l’incorporazione di una certa entità etnica in una società, con l’esclusione di qualsiasi discriminazione razziale e vorrei farlo raccontandoti la storia di due ragazzi nigeriani, Kenneth Aghahowa e Daniel John.

Kenneth e Daniel vengono da molto lontano ed hanno rispettivamente 23 e 27 anni. Hanno famiglia, vivono senza permesso di soggiorno in una casa occupata e vorrebbero entrare a far parte della società.

Come capirai con questi presupposti è piuttosto difficile. Entrambi frequentano una scuola di italiano per immigrati nei pressi della stazione Termini e coltivano il sogno di trovare un lavoro onesto, una casa sicura e un po’ di spazio per loro in un paese in grado di offrirgli tante opportunità.

La loro storia non è poi così diversa da quella di tanti altri immigrati se non fosse per il fatto che da qualche settimana i due hanno deciso di rimboccarsi le maniche ed entrare a gamba tesa nella società.

Li ho incontrati per caso nei pressi del mio quartiere un paio di giorni fa e sono rimasta di stucco. Due ragazzi giovani, volenterosi con in mano una scopa, una busta della spazzatura e un cartello che diceva:

“Gentili signore e signori, desidero integrarmi onestamente nella vostra città senza chiedere l’elemosina!!! Da oggi pulirò le vostre strade. Vi chiedo soltanto un contributo di soli 50 centesimi per il mio lavoro. Buste, scope, palette e altro materiale per la pulizia sono bene accetti. Grazie”.

Hai capito bene, per guadagnarsi da vivere Kenneth e Daniel vanno in giro per Roma a pulire le strade. Tra l’incredulità dei passanti e chi come me si ferma a scambiare due chiacchiere, i due si stanno guadagno giorno per giorno la stima e gli affetti del quartiere che cerca di sostenere il loro lavoro. Un’iniziativa nobile che dovrebbe farci riflettere su un tema delicato come quello dell’integrazione.  Sognare è un atto di coraggio, Kenneth e Daniel lo sanno bene. In bocca al lupo per la loro avventura e un ringraziamento speciale a Mirella Proni per la segnalazione. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0