Tempo di lettura: 2 Minuti

Ecco Jobot, il robot per uffici

Ecco Jobot, il robot per uffici

Con la collaborazione tra il centro di Ricerca “E. Piaggio” e l’azienda Eutronica nasce un automa pensato per ambienti lavorativi. Un giorno importan

Violenza sugli insegnanti, il troppo stroppia
Google va ad Udine per un progetto di ricerca
Per Flavio Briatore l’università “è fuori” ma noi non siamo d’accordo

Con la collaborazione tra il centro di Ricerca “E. Piaggio” e l’azienda Eutronica nasce un automa pensato per ambienti lavorativi.

Un giorno importante al MECSPE, la fiera Italiana dell’industria manifatturiera conclusasi a Parma, poiché a essere presentato quest’anno è stato Jobot, un robot progettato grazie all’interazione durata oltre un anno fra Centro Piaggio dell’Uni Pisa ed Eutronica, start up innovativa di Percorsi Erratici, la rete di imprese per costituire un ambiente attraverso il quale favorire la generazione di business fortemente innovativi.

Ma quindi per cosa rimanere colpiti di tale automa? Beh, non è proprio un robottino o giocattolo parlante, ma è bensì pensato per lavorare negli uffici o luoghi di lavoro, essendo capace di trasportare autonomamente oggetti in diversi punti di ambienti, come appunto uffici, ma anche fabbriche, posti complessi per la presenza in uno spazio relativamente ristretto, di tante cose e persone.

È qui la vera rivoluzione, garantire la tecnologia al massimo servizio e agevolazione per il lavoro umano, un vero tuttofare che, come spiega Lucia Pallottino, vicedirettrice del Centro Piaggio e docente di robotica al dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa “è provvisto di un sistema di navigazione che mappa l’ambiente in cui si trova a operare e lo rende in grado, in modo autonomo, di calcolare i percorsi ottimali, evitare ostacoli imprevisti, riconoscere situazioni di potenziale pericolo ed elaborare di conseguenza, in tempo reale, le azioni più idonee, dall’arresto a percorsi alternativi”.

Si immagina così un futuro dove i nuovi aiutanti nelle faccende giornaliere, che sia casa, lavoro o altro, possano rivelarsi i robot, che magari comunicare tra loro per la gestione di possibili collisioni.

Conclude sempre la Pallottino:
“Il Centro Piaggio lavora da molti anni allo studio e alla ricerca della cooperazione tra i robot basata su comunicazione V2V (Vehicle to Vehicle), cioè alle metodologie e i servizi che permettono il coordinamento autonomo dei veicoli senza l’intervento dell’uomo. Nel caso di Jobot, la contemporanea richiesta di più missioni in grandi ambienti di lavoro viene gestita da un server attraverso una logica in grado di ottimizzare gli spostamenti ed i tempi di utilizzo di tutte le unità disponibili”.

Il futuro del lavoro cybernetico parte da Pisa e il Centro Piaggio?

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0