Tempo di lettura: 2 Minuti

UniTrento: compaiono scritte in bagno contro l’Unione degli Universitari


UniTrento: compaiono scritte in bagno contro l’Unione degli Universitari


Stando agli autori del gesto, il problema è stato aver organizzato un dibattito sul cyberbullismo che ha visto tra i relatori il vicequestore di Trent

#FacceCaso intervista Ultimo
La musica non serve a studiare? Ecco gli artisti con i testi da cui possiamo imparare qualcosa!
Roma Tre sbarca su Telegram

Stando agli autori del gesto, il problema è stato aver organizzato un dibattito sul cyberbullismo che ha visto tra i relatori il vicequestore di Trento. #FacceCaso.

Qualche giorno fa nei bagni della Facoltà di Sociologia dell’Università di Trento, sono comparse scritte a pennarello contro l’Unione degli Universitari “colpevole” di aver organizzato un dibattito sul cyberbullismo che vede tra i relatori il vicequestore di Trento.

“L’ultima volta che è stato dato a qualcuno dello sbirro, è stato prima della giornata in memoria delle vittime di mafia al fondatore di Libera Don Ciotti. Da parte di mafiodi. Siamo fieri di essere amici suoi” hanno fatto sapere i rappresentanti dell’UDU su Facebook.

“C’è chi si riempie la bocca con la parola beni comuni e poi è in grado solo di danneggiarli, chi dice che l’università è chiusa al dibattito tra gli studenti e poi attacca gli altri quando ne organizzano uno. I bagni di sociologia appartengono non a voi, non a noi ma a tutti gli studenti”. #FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0