Tempo di lettura: 3 Minuti

Gita a Firenze per i ragazzi di Amatrice

Gita a Firenze per i ragazzi di Amatrice

Martedì scorso due classi del liceo scientifico di Amatrice hanno cominciato un viaggio d’istruzione a Firenze grazie ad un progetto benefico. Che #B

Non ci dimentichiamo delle scuole terremotate
Un euro ai terremotati per ogni piatto di Amatriciana


Amatrice: i container colorati della scuola trentina lasceranno spazio all’edificio della Ferrari

Martedì scorso due classi del liceo scientifico di Amatrice hanno cominciato un viaggio d’istruzione a Firenze grazie ad un progetto benefico.

Che #BellaStoria. L’iniziativa è stata portata avanti da Property Managers Italia. L’esperienza dei ragazzi terminerà domani sabato 6 maggio ed è stata realizzata con il patrocinio del ministero dei beni e delle attività culturali e del comune di Firenze.

L’associazione Property Managers Italia, guidata da Stefano Bettanin, si è occupata di tutte le spese legate al viaggio ed al soggiorno dei ragazzi, facendo in modo che essi potessero vivere un’esperienza unica. Ha messo loro a disposizione infatti degli appartamenti nelle zone centrali della città facendoli sentire quasi abitanti del luogo.

Lo scopo è chiaramente aiutare la popolazione colpita dal terremoto e consentire ai suoi giovani di andare avanti e non sentirsi soli. I giovani delle due classi in totale sono 16 e sono accompagnati da due docenti.

Il gruppo, fra le altre cose, avrà la possibilità di visitare il museo Barghello, il primo museo nazionale del Regno d’Italia. I funzionari del museo si sono resi poi disponibili ad accompagnare gli studenti a visitare anche le Cappelle Medicee, Palazzo Davanzati e Orsanmichele.

Anche il comune di Bagno a Ripoli si è mostrato disponibile ad accogliere i ragazzi per le loro visite. I giovani in senso di riconoscenza hanno portato in dono agli organizzatori dell’evento una targa ed un sacchetto contenente la terra.

Quest’ultimo ha un significato simbolico molto forte, come spiega una docente accompagnatrice, perché rappresenta la voglia dei ragazzi e di tutte le popolazioni colpite dal terremoto di ricominciare da capo, ricominciare a costruire, e di farlo proprio dalla terra.

Noi ci auguriamo che grazie ad iniziative come questa e ad interventi sempre più consistenti, tutto ciò sia possibile.

#FacceCaso

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0