Tempo di lettura: 1 Minuti

Videogiochi: è boom del mercato italiano!

Videogiochi: è boom del mercato italiano!

Nel 2016, i dati pubblicati da Aesvi parlano chiaro: grande la crescita del mercato dei videogiochi in Italia, con ben 1.029.928.287 euro di fatturato

Scuola accessibile a tutti: di che si parla?
I Master per pochi, ma il lavoro è tanto
Double degree: cos’è e come farlo

Nel 2016, i dati pubblicati da Aesvi parlano chiaro: grande la crescita del mercato dei videogiochi in Italia, con ben 1.029.928.287 euro di fatturato.

Se ne dicono tante sui videogiochi. Tanto che noi stessi recentemente abbiamo parlato degli effetti che l’abuso di questi ha sui più giovani e sulle persone in genere. Cose inimmaginabili che creano non pochi problemi e dipendenze tanto da rappresentare una questione sociale.

Eppure il mercato dei videogiochi in Italia è in netta crescita e non accenna a fermarsi.

Lo dicono i dati presentati da Aesvi, associazione italiana degli editori e sviluppatori di videogiochi, che registrano per il 2016 guadagni che superano 1 miliardo di Euro ed un’espansione anche per quanto riguarda l’età dei giocatori.

Sinceramente, pur non giocando da parecchio tempo con alcuna console, e non essendone mai stato neppure un appassionato, mai mi sarei immaginato dei dati del genere, soprattutto se contestualizzati in un periodo di crisi economica (ricordiamoci che i tagli avvengono, o dovrebbero, prima di tutto sul superfluo).

Invece, il mercato di settore registra nel 2016 una crescita di ben 8,2% in più rispetto al 2015: la crescita maggiore riguarda il mercato dei software che ha, da solo, un fatturato di ben 600 milioni di Euro.

Per quanto riguarda i giochi, vanno per la maggiore i classici ‘Fifa 17’, ‘GTA V’ e ‘Uncharted 4’, determinando un vero e proprio successo delle console domestiche sopra ogni altra.

Come accennavamo, l’età dei giocatori è in grande cambiamento: sempre più adulti sono attirati dai videogiochi. I dati derivano da una ricerca realizzata su 12.000 persone che ha dimostrato come la fetta più consistente sia formata da persone di età che varia dai 24 ai 54 anni.

Il 48% dei giocatori italiani (che dalle stime sono circa 25 milioni in tutto) dicono di giocare circa 4 volte a settimana, con un tasso di maggior concentrazione di giocatori al Sud e nelle isole (da sempre un po’ più trascurati).

Aesvi, che ha partecipato al Milan Games Week 2017, ha presentato grandi novità per quest’anno in linea con l’impressionante crescita del mercato dei videogames, come ha commentato il presidente di Aesvi, Paolo Chisari:
“La crescita di tutti i settori e il quarto anno consecutivo con il segno più dimostrano che il nostro mercato è sano. Quanto agli sviluppatori italiani, l’espansione del digital ha fatto sì che il loro mercato si allargasse”.
Quasi quasi mi vien voglia di ricominciare a giocare!

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0