Tempo di lettura: 3 Minuti

Gaspar, il social che viene da Cuba

Gaspar, il social che viene da Cuba

Da una piccola cittadina Gaspar, nato con 4 antenne tra 7500 abitanti. Sfidare Facebook senza avere i suoi mezzi? Sembra una follia, ma non per gli a

UniTorino: sconti sulle tasse universitarie, ma non per i fuoricorso
Skype: ecco i pagamenti dall’app con PayPal
Whazzo e Moovit, al via la collaborazione!

Da una piccola cittadina Gaspar, nato con 4 antenne tra 7500 abitanti.

Sfidare Facebook senza avere i suoi mezzi? Sembra una follia, ma non per gli autori di Gaspar, piattaforma social nata a Cuba.
Prima, quando internet era accessibile a solo l’11% della popolazione, ora con una serie di hotspot, nonostante i costi, le funzionalità sono aumentate.

Così quattro giovani hanno preso delle antenne e dato vita a “Gaspar Social”, una piattaforma per videogame senza connessione.
“All’inizio era un network nato solo per giocare. Dopo è stato aperto a tutte le persone e il numero di utenti è cresciuto in maniera impressionante in un mese”.

Così ha spiegato uno degli autori, che ha visto arrivare in poco tempo il numero a 500 utenti.
La crescita è stata tale da convincere il governo ad aiutarli, spingendoli quindi verso il loro sogno. Supereranno mai Facebook? Improbabile, ma intanto eccolo qui!

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0