Tempo di lettura: 2 Minuti


Asti: ragazzo picchiato a scuola per una penna


Asti: ragazzo picchiato a scuola per una penna

La vittima è stata colpita con un pugno in piena faccia che gli è costato la frattura di zigomo e mascella per non aver prestato una penna. #FacceCa

Scuoletta Montessori di Orbassano: qui è possibile iscriversi senza vaccinarsi
Scuola: scioperi in vista 8 e 17 marzo
In provincia di Trento un esponente della Lega Nord regala crocifissi alla scuola locale

La vittima è stata colpita con un pugno in piena faccia che gli è costato la frattura di zigomo e mascella per non aver prestato una penna. #FacceCaso.

Un ragazzo di 18 anni all’ultimo anno dell’Istituto professionale di Asti è stato picchiato per una penna.

Mercoledì un suo compagno di classe l’aveva aggredito per non avergli prestato la penna.

La vittima è stata colpita con un pugno in piena faccia che gli è costato la frattura di zigomo e mascella. “Mio figlio stato sottoposto ad un’operazione chirurgica e ancora non sappiamo se ci saranno conseguenze. Potrebbe aver subito danni all’occhio”. Dice il padre dello studente.

“È uno degli studenti migliori e per questo episodio rischia di perdere qualche occasione di lavoro importante.
Non possiamo lasciarlo mai solo. Il ragazzo che lo ha aggredito con tutta la sua famiglia si è anche presentato in ospedale per convincerlo a non sporgere denuncia. Lui doveva ancora subire l’intervento e lo hanno spaventato”.

L’aggressore è stato sospeso e la scuola sta prendendo in considerazione l’idea di una possibile espulsione. “Si è trattato di un episodio di violenza che non ha giustificazioni”. Spiega il responsabile dei corsi Domenico Buzzanca.

“Ora abbiamo avviato un’indagine per capire se quello che è successo rientri in un contesto più grande di bullismo o se si tratti di un episodio isolato. Fino ad ora non abbiamo mai ricevuto segnalazioni che ci mettessero in allerta su fenomeni di bulloniamo all’interno della scuola”.

La scuola nel frattempo ha tranquillizzato il ragazzo. “Se lo vorrà potrà sostenere gli esami e frequentare i tirocini professionali previsti dalla nostra formazione”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0