Tempo di lettura: 1 Minuti

La classifica dei Social Network e dei loro disagi, Instagram al primo posto

La classifica dei Social Network e dei loro disagi, Instagram al primo posto

Lo studio arriva direttamente da Londra e svela il vero rapporto tra social e giovani. È vero che il mondo della comunicazione si sta allargando semp

Brunori Sa(s): l’altra faccia dei giovani
Gli istituti professionali che cambiano
10 punti per provare a salvare le Università italiane

Lo studio arriva direttamente da Londra e svela il vero rapporto tra social e giovani.

È vero che il mondo della comunicazione si sta allargando sempre di più con i Social Network, li usiamo tutti.

Anche mia nonna li usa. Da sempre si cerca di comprendere, però, quale sia il loro lato negativo. Perché se da una parte permettono a tutti di essere connessi dall’altra creano la paura continua di essere esclusi.

Sono conclusioni che emergono dallo studio della Royal Society for Public Health che ha analizzato Facebook, Twitter, Snapchat, YouTube ed Instagram e il loro utilizzo in un campione di circa 1500 giovani tra i 14 e i 24 anni.

Il peggiore sembrerebbe essere proprio Instagram che crea sempre di più un senso di esclusione e di panico quando non si possono più guardare le foto o le storie.

YouTube è il migliore invece, perché sembrerebbe non creare nessun disturbo se non quello del sonno (e dici poco). Il problema che ruota intorno a tutti i Social Network analizzati sta nell’immagine che ognuno percepisce di se stesso, che viene costantemente paragonata a quella dei personaggi famosi.

Instagram, infatti, se da un lato permette a tutti l’espressione della propria personalità dall’altro la mette a confronto con quella degli altri, creando inevitabilmente insicurezze e disagio.

Ci hai mai fatto caso?

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0