Tempo di lettura: 3 Minuti

A Pisa un’ateneo d’eccellenza che fa guadagnare di più

A Pisa un’ateneo d’eccellenza che fa guadagnare di più

Da un’indagine svolta da AlmaLaurea è emerso che coloro che si laureano a Pisa hanno uno stipendio più alto. Da questo studio è risultato che i laure

Lezioni di Costituzione: la premiazione del progetto
Scuola pubblica o privata? Questo è il dilemma
Muore al Rave Party ma lo sballo continua

Da un’indagine svolta da AlmaLaurea è emerso che coloro che si laureano a Pisa hanno uno stipendio più alto.

Da questo studio è risultato che i laureati provenienti dall’ateneo di Pisa, rispetto ai loro colleghi, hanno un voto di laurea in media più alto, però impiegano più tempo a guadagnare il titolo. I ragazzi si sono detti soddisfatti del percorso universitario svolto per una percentuale dell’86%.

Per analizzare la condizione lavorativa sono stati presi in considerazione coloro che hanno conseguito la laurea, sia triennale che magistrale, nell’anno 2015 e sono stati intervistati dopo un anno, ed anche coloro che hanno conseguito la laurea magistrale biennale nel 2011, intervistati dopo cinque.

In base ai dati Istat i ragazzi che sono laureati in triennale e a distanza di un anno svolgono un lavoro retribuito sono il 70%.

Per quanto riguarda i dottori di una magistrale biennale notiamo che la percentuale di occupazione sale al 74%. Per la prima categoria sappiamo che lo stipendio medio che recepiscono è di 1123 euro al mese netti, mentre per quanto riguarda la seconda categoria la media sale a 1233.

Entrambi questi dati superano la media toscana e la media italiana.

Per quanto riguarda l’analisi svolta su coloro che lavorano dopo cinque anni dal conseguimento della laurea magistrale biennale, è emerso che l’86% di loro ha un’occupazione con un contratto a tempo indeterminato mentre il 18% ha un’occupazione autonoma.

Dal punto di vista della retribuzione, anche in questo caso, come prima, i laureati pisani risultano avere uno stipendio più alto sia della media toscana che di quella italiana.

#FacceCaso

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0