Tempo di lettura: 1 Minuti

Bulliziotti contro i bulli

Bulliziotti contro i bulli

In una scuola media di Modena prende vita un progetto contro il bullismo che vede protagonisti i bulliziotti. Modena abbraccia i bulliziotti. Si si

Non è una scuola per ragazzi: i baby-bulli di Savona
Ecco alcune delle ultime proposte per combattere il bullismo
Ancora bullismo, ancora paura

In una scuola media di Modena prende vita un progetto contro il bullismo che vede protagonisti i bulliziotti.

Modena abbraccia i bulliziotti. Si si tranquillo, ora mi spiego bene.

Oggi alle ore 17.00 presso la scuola media Calvino di Modena sarà presentato un progetto dedicato alla sensibilizzazione contro il bullismo. L’idea nasca da una prima media, la 1C, la quale stava svolgendo un corso di scrittura condivisa, che con il trascorrere del tempo si è evoluto in questo progetto.

Sono emerse infatti le emozioni e le sensazioni dei ragazzi in merito a questo tema, che inizialmente era stato scelto come soggetto del corso di scrittura per far emergere i sentimenti dei giovani studenti. Da lì di settimana in settimana si è andato a delineare sempre di più quello che poi è diventato il progetto in questione. Ed è davvero una bomba!

La soluzione contro il bullismo che è emersa da questi vari confronti e momenti di condivisione è stata quella di creare dei bulliziotti: i poliziotti per i bulli. Non ci sarà però qualcuno di esterno alla scuola, bensì saranno gli alunni stessi che controlleranno le varie situazioni e segnaleranno, tramite una scatola chiusa in cui inserire dei biglietti, quello che non va.

Ci sarà anche una pagina apposita sul sito web dell’istituto ed è prevista anche la partecipazione volontaria di qualunque genitore sia intenzionato a dare una mano. La professoressa Laura Maugeri, che ha curato e diretto il progetto da quando era un corso di scrittura, si dice felicissima della direzione che ha preso questa iniziativa e del fatto che siano state coinvolte anche le famiglie.

Per sconfiggere una piaga come quella del bullismo serve la collaborazione di tutti, soprattutto, come ci dimostra questa iniziativa, di alunni coraggiosi che rompano il sistema e denuncino quello che vedono.

#FacceCaso

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0