Tempo di lettura: 1 Minuti

Piccole scuole, grandi studenti

Piccole scuole, grandi studenti

Le piccole scuole sono un bene per l'istruzione nel nostro paese e purtroppo se ne parla troppo poco. Stiamo delle piccole scuole. Sì, quei 1333 ist

Foodora via dall’Italia
Io sarò una Donna tutta la vita
Un 2017 social, ecco il riassunto

Le piccole scuole sono un bene per l’istruzione nel nostro paese e purtroppo se ne parla troppo poco.

Stiamo delle piccole scuole. Sì, quei

1333 istituti situati in zone di montagna spesso isolare, o nelle isole o in zone in cui la popolazione è molto bassa si evidenzia il problema della formazione delle classi.

Il presidente dell’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa (Indire) Giovanni Biondi, il prossimo sabato terrà un congresso a Favignana durante il quale introdurrà in maniera ufficiale “Il manifesto delle piccole scuole ”.

Importante è che queste scuole collaborino e resistano anche e soprattutto per consentire a giovani studenti di proseguire con la propria carriera scolastica.

Spesso infatti accade che per alcuni non sia possibile frequentare quotidianamente la scuola, per motivi di salute o di mobilità, ed è in questi casi che si interviene con l’apprendimento di tipo telematico tramite video lezioni. Un esempio che fa lo stesso Giovanni Biondi è il caso di una bambina che era rimasta la sola nella sua isola ed era ovvio che non era possibile gestire una scuola per una sola alunna.

La sua famiglia aveva pensato allora di trasferirsi, ma dal momento che i genitori della bambina possedevano l’unica panetteria dell’isola, i cittadini hanno protestato affinché fosse possibile per la figlia avere un’istruzione senza che i genitori dovessero trasferirsi.

La soluzione adottata è stata quella di collegare la bambina con una classe di un istituto di Firenze tramite una webcam ed una lavagna elettronica, consentendole di seguire al meglio le lezioni e di svolgere anche dei test finali ottimi.

Il cambiamento delle modalità di apprendimento non deve spaventarci, soprattutto se vengono introdotte delle nuove metodologie per aiutare chi è più in difficoltà.

#FacceCaso

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0