Tempo di lettura: 2 Minuti

Alcool e giovani: ecco cosa ne pensano i ragazzi!

Alcool e giovani: ecco cosa ne pensano i ragazzi!

Una ricerca mette in luce come i ragazzi italiani siano informati rispetto alle leggi in materia di alcool e non vogliano violarle. Sentiamo sempre p

Prevenzione all’uso di droga e alcool a scuola, attivati i corsi di formazione
Essere occidentali a Pechino: tra curiosità e piccole difficoltà
Esperimento in Danimarca: ci si può ubriacare immergendo i piedi nella vodka?

Una ricerca mette in luce come i ragazzi italiani siano informati rispetto alle leggi in materia di alcool e non vogliano violarle.

Sentiamo sempre parlare di giovani e alcool, ma abbiamo mai parlato CON i giovani di alcool?!

Un’indagine promossa dall’Osservatorio Permanente sui Giovani e Alcool ha voluto fare proprio questo. La ricerca è stata realizzata da Eclectica con la supervisione dell’Università di Torino ed è stata svolta su un campione di quasi 2000 ragazzi compresi tra i 15 e i 25 anni, provenienti da tutta Italia.

Intitolata “Giovani, Alcol e Divieti. Opinioni ed atteggiamenti dei giovani italiani sulle norme in materia di alcol”, la ricerca ha voluto indagare su quanto i giovani siano a conoscenza delle norme in vigore in Italia in materia di alcool e quanto queste vengano rispettate.

Il tutto, realizzato grazie alla direzione di Franca Beccaria, è stato presentato il 15 giugno 2017 all’Università Bicocca di Milano ed ha messo in luce aspetti del rapporto tra giovani ed alcool veramente inattesi. Infatti,

la maggior parte dei giovani conosce bene le regole e le norme in vigore e, quasi il 90% di questi, le approva.

Parte della ricerca consisteva anche nel chiedere le opinioni dei ragazzi riguardo ad eventuali inasprimenti della regolamentazione, come per esempio, un aumento dell’età minima per assumere alcolici.

Nella risposta mi trovo perfettamente d’accordo con la maggior parte dei ragazzi, i quali hanno dichiarato che un inasprimento delle norme non sia necessario, anzi potrebbe addirittura essere controproducente.

Penso che ormai dovremmo aver capito che il proibizionismo non ha mai portato a grandi risultati.
Al contrario, i ragazzi hanno suggerito che risulterebbero ben più utili delle misure di prevenzione, sensibilizzazione ed informazione.

Sfatiamo il mito dell’adolescente incosciente che beve alcool per sballarsi e senza pensare alle conseguenze. Anche i giovani si informano, e, anche se qualcuno alle volte esagera, sicuramente non bisogna fare di tutta l’erba un fascio.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0