Tempo di lettura: 2 Minuti

Minori e social: cronaca dell’ennesima porcata di uno sfigato

Minori e social: cronaca dell’ennesima porcata di uno sfigato

Un 24 enne di Torino adesca 100 minori tramite chat e utilizzando falsi profili femminili per le sue vittime. Dietro i social network, molte volte si

Roma, lo scontro tra presidi e Comune è all’insegna della…neve
Volare con Google Flights
Soldi guadagnati coi social, Lovby ce lo dimostra

Un 24 enne di Torino adesca 100 minori tramite chat e utilizzando falsi profili femminili per le sue vittime.

Dietro i social network, molte volte si nascondono persone che hanno cattive intenzioni. Ciò che è successo e che ha coinvolto diversi minori fa un po’ rabbrividire.

Il 24 enne direttore sportivo di una squadra di calcio giovanile della provincia di Cuneo, con 4 profili falsi ha intrappolato oltre 100 giovani vittime.

Il giovane incriminato utilizzava i 4 profili femminili, per ottenere delle foto erotiche delle vittime e poi ricattarle per chiederne di nuovo altre.

Oltre a raccogliere materiale pedopornografico, proponeva rapporti a tre, dove poi si sarebbe tirato indietro il terzo, in modo da offrire alle vittime un incontro solo con lui.

Fortunatamente da quanto si rileva dalle testimonianze dei 100 giovani coinvolti nessuno di essi ha avuto un rapporto fisico con lui. La Polizia si è messa all’opera nel 2015 e solo dopo due anni di indagini sono riusciti ad incastrare il direttore sportivo, portandolo agli arresti domiciliari.

Questo non è il primo caso di adescamento online, perciò credo sia fondamentale cercare di sensibilizzare il più possibile tutti coloro utilizzino gli strumenti social, perché spesso e volentieri si può capitare in situazioni spiacevoli, come questa, dove si è del tutto indifesi.

Sarebbe bello, infatti che la Polizia Postale in primis, andasse nelle scuole e mostrasse a tutti gli studenti come cercare di prevenire ed evitare tali inconvenienti.

#FacceCaso

Di Gianmarco Saulli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0