Tempo di lettura: 3 Minuti

Come diventare milionari a 18 anni con i Bitcoin

Come diventare milionari a 18 anni con i Bitcoin

Erik Finman, ha cominciato a pensarci appena dodicenne dopo aver ricevuto mille dollari in regalo dalla nonna. In piena crisi scolastica ha deciso di

Da Padova a Stoccolma per confutare un premio Nobel
La vita a stelle e strisce di un romano che insegue i suoi sogni
Testamenti digitali: arriva la professione del futuro

Erik Finman, ha cominciato a pensarci appena dodicenne dopo aver ricevuto mille dollari in regalo dalla nonna. In piena crisi scolastica ha deciso di investirli nei Bitcoin, lasciando la scuola e avendo oggi, a 18 anni, più di un milione di dollari.

Abbandonare la scuola, non iscriversi all’università e diventare milionario con i Bitcoin? È possibile ed è tutto vero, ad esserci riuscito è un ragazzo americano, Erik Finman, che ad appena 18 anni vanta già un patrimonio milionario. Come? Direte voi.

Per capire meglio bisogna fare qualche passo indietro: appena dodicenne Erik non era proprio uno studente modello, anzi, la scuola proprio non gli piaceva, non otteneva grandi risultati, soprattutto se messo a confronto con i genitori, entrambi ricercatori nel campo della fisica, e i suoi due fratelli che hanno trovato successo nell’hi-tech e nell’ingegneria.

Erik, invece, raccoglieva solamente delusioni, tanto che una sua professoressa gli consigliò addirittura di lasciare la scuola e andare a lavorare da McDonald.

Una casualità gli segnò la vita: nello stesso periodo la nonna gli regalò 1000 dollari che lui, su consiglio del fratello, investì in Bitcoin, cominciando pian piano a vedere aumentare la cifra. Erik ci sapeva fare con gli investimenti e, dopo aver deciso di lasciare la scuola, continuando a studiare a casa, patteggia con i genitori la possibilità di non iscriversi nemmeno all’università se entro i 18 anni fosse diventato milionario.

Gli investimenti in Bitcoin cominciano ad andare bene, fino a guadagnare sempre di più, addirittura 100 mila dollari. A quel punto Erik decide di reinvestirne una parte fondando Botangle, una piattaforma online che mette in contatto studenti frustrati (come lo era stato lui) e insegnanti, comprata poi da un investitore per 403 bitcoin.

A 15 anni Erik fa le valigie e va alla Silicon Valley dove continua con la propria attività di investimento, prendendo parte anche ad altri progetti, tanto che il Time lo annovera tra i teen-agers più influenti.

Il suo patrimonio ammonta attualmente a 1,09 milioni di dollari e, avendo rispettato le promesse, Erik non andrà all’università ma, come tutti i grandi della Silicon Valley ragiona in grande, togliendosi anche qualche sassolino dalle scarpe: la scuola “non funziona bene per tutti, non raccomanderei a nessuno questo sistema scolastico, puoi imparare molte più cose su Wikipedia o su Youtube”, ha ripetuto spesso ai media americani.

Ovviamente, si tratta di storie isolate, non tutti hanno una tale fortuna e bravura. Se proprio non sapete che fare, è meglio che continuiate a studiare.

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0