Tempo di lettura: 2 Minuti

L’università di Firenze va incontro agli studenti

L’università di Firenze va incontro agli studenti

L’Università degli studi di Firenze ha fatto dei cambiamenti in merito alla tassazione che entreranno in vigore il prossimo anno accademico. Il retto

Advancing Young Professionals: JP Morgan per la scuola
Guida autonoma? Per gli adulti “no grazie”
GoFundMe: 5 ragazzi raccolgono 2 milioni di dollari in 10 giorni per sfamare il Corno d’Africa

L’Università degli studi di Firenze ha fatto dei cambiamenti in merito alla tassazione che entreranno in vigore il prossimo anno accademico.

Il rettore Luigi Dei infatti gli scorsi giorni ha approvato un piano che prevede che

tutti gli studenti di Firenze che abbiano un reddito Isee pari o inferiore a 15.000 euro siano esonerati dal pagamento delle tasse.

Per quanto riguarda coloro che hanno un reddito medio che arriva fino ai 30000 euro i redditi sono rimasti invariati. I più abbienti invece, che hanno un reddito Isee maggiore si sono visti aumentare le tasse.

Queste sono le conseguenze di un piano che prevede ben 72 fasce di reddito, al contrario di molti altri atenei in Italia che si limitano solo a 4 o 5 fasce, anche se il rettore afferma che dal prossimo anno sarà presente un algoritmo che consentirà una tassazione progressiva non a fasce.

L’università degli Studi di Firenze si dimostra essere uno degli atenei con la tassazione media inferiore.

L’anno prossimo sarà introdotto anche il contributo universitario onnicomprensivo, all’interno del quale sono comprese anche la polizza assicurativa, il CUS e la tassa di laurea. Il pagamento verrà calcolato, oltre che in base al reddito, anche dalla produttività e dalla regolarità dello studente.

Sono stati introdotti anche dei premi di laurea dedicati agli studenti che conseguiranno la laurea nei tempi prescritti dalla propria facoltà.

Se non hai ancora scelto la tua università, questi dati possono certamente esserti utili.

#FacceCaso

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0