Tempo di lettura: 3 Minuti

Turchia, Erdogan rivoluziona la scuola e torna alle origini

Turchia, Erdogan rivoluziona la scuola e torna alle origini

Arte, studi islamici, lingue, i ragazzi, grazie alla recente riforma varata dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan, studieranno materie finalizzate

Protesta studentesca in Turchia contro l’egemonia del governo nelle università
Turchia: istruzione e dittatura
Un Facetime in mezzo al Golpe

Arte, studi islamici, lingue, i ragazzi, grazie alla recente riforma varata dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan, studieranno materie finalizzate a riportare la cultura turca a ciò che era in passato

Continua il disegno egemonico di Recep Tayyip Erdogan, l’attuale Presidente della Turchia sta infatti da diverso tempo attuando una politica di accentramento del potere finalizzata a riportare il paese ai fasti di una volta.

Dopo il tentato golpe a suo danno, la proclamazione dello stato di emergenza, l’arresto di persone illustri, medici, politici, avvocati e giornalisti accusati di terrorismo, Erdogan sta ora mettendo mano sull’istruzione della Turchia. Cosa c’è di meglio di controllare la cultura per controllare un popolo?

È del mese scorso la scelta, molto discussa, di eliminare dai libri degli studenti turchi la teoria dell’evoluzionismo di Darwin, al suo posto verrà insegnato ciò che dice la religione a riguardo.

Ma questa è solo una delle modifiche sull’impianto scolastico che Erdogan ha previsto per la Yeni Turkiye, la Nuova Turchia, a suo parere ormai troppo occidentalizzata e lontana dai valori classici e fondanti la cultura turca.

Vengono introdotte le “imam-hatip”, le scuole vocazionali, non solo per gli studenti di teologia ma anche per le altre facoltà. Saranno “una delle più prestigiose istituzioni del sistema scolastico turco” – sostiene il Ministero dell’Educazione.

Sulla stessa scia, verranno riproposte materie di studio più classiche, come l’arte, gli studi islamici, le lingue (ma anche lo sport), per “assicurare la continuazione dei valori nazionali, culturali e morali e trasmetterli alle generazioni future” e allontanare i giovani da “atteggiamenti negativi e immorali”.

Oltre che al ritorno al classico, al passato, la scuola di Erdogan sarà scevra del linguaggio occidentale che sta modificando anche la lingua turca e i libri torneranno ad usare solo parole della lingua originale (tanto che si pensa addirittura di istituire corsi di ottomano).

Le riforme dell’istruzione sembrano avere una buona approvazione da parte del popolo, tanto che gli iscritti ai nuovi corsi di studio sono in aumento, ma spesso solo perché molte scuole “normali” sono state trasformate in “imam-hatip” e gli studenti non hanno altra scelta.
Anche se alle volte silenzioso, quello di Recep Tayyip Erdogan sta lentamente diventando un regime sempre più accentrato e non si esclude possa diventare una vera e propria dittatura.

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0