Tempo di lettura: 3 Minuti

Le nuove sfide della moda tra tecnologia e influencer

Le nuove sfide della moda tra tecnologia e influencer

Com’è cambiata la moda di tutti? Quali sono le sue nuove sfide? Vediamo l'evoluzione di un settore in crescita grazie anche ai social e al loro potere

Dispositivi per il salotto, la nuova sfida di Facebook
Le app d’incontri per ricchi
La roadmap contro gli abusi, l’ultima di Twitter

Com’è cambiata la moda di tutti? Quali sono le sue nuove sfide? Vediamo l’evoluzione di un settore in crescita grazie anche ai social e al loro potere.

Chiedete alle mamme (o alle nonne) di dirvi che cos’era qualche tempo fa il Pronto Moda o il Prêt-à-porter e scoprirete che è ciò che vediamo costantemente sui Social, maggiormente su Facebook ed Instagram.

La Fast Fashion, come la chiamerebbe Chiara Ferragni, non è altro che le collezioni di vestiti della grande distribuzione che seguono la moda. Essenzialmente la moda accessibile a tutti che viene prodotta velocemente e allo stesso modo distribuita.

La pubblicità, ora, non si è dovuta limitare ai cartelloni ma deve fare una forte campagna anche sui Social, attraverso stories o foto quasi giornalieri per poter mostrare a tutti i nuovi capi della collezione. Spesso basta scorrere con il pollice in su per acquistare quel capo, grazie alle nuove funzioni di Instagram.

Ma non si parla solo di quello, si parla di reti di amici che taggano qua e la Zara o H&M, la cugina che ha un pantalone pazzesco di Mango o ancora meglio l’influencer che ha tutta la collezione tra negozio svaligiato e invii da parte dell’azienda stessa. Circa l’85% dei consumatori, infatti, si fa influenzare da quello che vedono sui Social delle persone più famose anche se poi desiste dal comprare questa maglia o quell’altra gonna, ma visita il sito, e ci pensa.

Indovinate chi sono i più influenzabili e quelli più attenti alle nuove proposte del Pronto Moda? Semplice, quelli che passano più tempo al telefonino di chiunque altro: la Generazione Z.

Mi ricordo che a 15 anni tentavo di comprare il jeans alla moda che costava un po’ di più perché durava di più e perché faceva figo, mio fratello alla stessa età si infilava dieci volte in dieci settimane in un Foot Locker per comprare una maglietta nuova ogni volta. (Ciò non toglie che un occhio a Chiara Biasi lo butto anche io).

Ah e se vi interessa seguite Forever21, con Instafeed potete comprare le cose taggate nelle foto.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0