Tempo di lettura: 3 Minuti

Avvocato, Dottore… No grazie, mi butto nell’ agricoltura

Avvocato, Dottore… No grazie, mi butto nell’ agricoltura

Coldiretti premia tutte quelle iniziative proposte da giovani che hanno scelto l'agricoltura come la propria strada. Diventare Medico, Avvocato oppur

Giovani agricoltori? Ci pensa l’UE!
Intervista a due giovani che sono partiti per un’esperienza di volontariato con Libera
La combo di scuola e azienda di tè a Darjeeling in India per combattere il traffico di donne

Coldiretti premia tutte quelle iniziative proposte da giovani che hanno scelto l’agricoltura come la propria strada.

Diventare Medico, Avvocato oppure un top Manager, non è il sogno di tutti ma, c’è chi più semplicemente si sente a proprio agio a contatto con la natura e con la terra.
La Coldiretti Giovani Impresa, promuove Oscar Green, che è il premio per tutti coloro che hanno scelto il proprio futuro nell’ agricoltura.

L’undicesima edizione punta sulla valorizzazione del lavoro prettamente agricolo, con l’obiettivo di promuovere l’ agricoltura sana del nostro Paese che mette in mostra le tante idee innovative di giovani coltivatori, basta che siano sotto i 40 anni.

All’interno del concorso ci sono ben 6 sezioni entro le quali ciascun imprenditore può inserire la propria idea.
I vincitori sono stati premiati nella splendida cornice del Orto botanico di Palermo luogo in cui ci sono più di 12.000 specie differenti di piante. Sono ben 6 i progetti vincenti (uno per ogni categoria) più due premi speciali.

AGRITURISMO ASINOCENTRICO

Carmelo Petrolo, 32 anni, ha messo gli asini del ragusano al centro del suo progetto, una specie autoctona in via di estinzione.
La sua idea è stata vincente perché ha messo al servizio di persone con disabilità e non la calma degli asini. Inoltre La salvaguardia della specie è la missione principe dell’allevatore.

ASIA CASTAGNA-NETBIKE: DUE RUOTE ED UN CERVELLO

Bicicletta e mappa alla mano, con un itinerario personalizzato in base alle proprie preferenze. Lungo il percorso di cicloturistico si incontrano aziende agricole, che producono sul territorio.

DAMIANO CRACOLICI-VIVAISTA SOCIALE

Per Damiano Cracolici non poteva esister miglior location dell’Orto Botanico di Palermo per ricevere il suo premio.
Principalmente perché piantare è la parola chiave di questo suo progetto ambizioso. Il giovane imprenditore ha come obiettivo primario quello di “divulgare la cultura del positivo attraverso i fiori e le piante”.

FRATELLI COTTONARO-PIACENTINU: IL FORMAGGIO CHE REGALA SORRISI

Rivalutazione dei prodotti tipici locali come il “piacentinu”, il formaggio giallo grazie allo zafferano tipica coltivazione del territorio intorno la provincia di Enna.
La diffusione di questo prodotto contribuisce a mantenere vive le tradizioni delle zone interne.

AMBRA E FILIPPO DRAGO-GRANO E FARINA DEI PAESI TUOI

Il progetto di valorizzazione del grano “timilia” comprende anche una produzione che lega territorio, turismo, cultura, agricoltura.
I sistemi tecnologicamente avanzati permettono di salvaguardare la pulizia di ogni singolo chicco al fine di realizzare una farina di altissima qualità.

FRATELLI CANGEMI E DANIELE MONTALDO-ANTIFURTO MONI “TORO”

L’allevatore Michele Cangemi insieme al tecnico Daniele Montaldo, hanno ideato “Monitoro”, un antifurto che si applica all’animale nell’auricolare identificativo e percepisce tutti gli spostamenti per due anni. Questo perché esiste l’abigeato, che è una circostanza aggravante del furto, che provoca ogni mese ingenti danni ai singoli allevatori.

SANDRO BLUNDO-BIRRIFICIO BRUNO RIBADI (premio speciale)

Primo dei due premi speciali è per Bruno Ribadì cittadino Palermitano, grande cultore della birra. Dalla combinazione di grani antichi, carrube, uva passa di Pantelleria e altre specialità siciliane la sua birra ha stregato molti giovani siciliani, ma è riuscito anche ad aggiudicarsi ammirazione dai palati esteri.

FEDERICO MARINO-FUMARE POCO MA FUMARE SICILIANO (premio speciale)

Un sigaro di alto livello è il frutto del lavoro di Federico Marino e della sua cooperativa “La Campagnola”. Definito il sigaro Vip siciliano, questo progetto darà lavoro a decine di persone tra cui molti giovani.

#FacceCaso

Di Gianmarco Saulli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0