Tempo di lettura: 3 Minuti

Pronti a mangiare gli insetti? Via libera dall’UE!

Pronti a mangiare gli insetti? Via libera dall’UE!

Il 2018 aprirà il libero commercio in Europa degli insetti come alimento da tavola. E i sondaggi parlano degli italiani come abbastanza favorevoli… S

Ma è vero che le banane sono radioattive?
All’Università di Pisa il master ‘Healthyfood’
Sport d’estate: i consigli per tenersi in forma

Il 2018 aprirà il libero commercio in Europa degli insetti come alimento da tavola. E i sondaggi parlano degli italiani come abbastanza favorevoli…

Si chiama regolamento “Novel Food”, e riguarda anche gli.. insetti!
Si tratta di un pacchetto di norme approvato due anni fa, in merito ad alimenti nuovi o insoliti, e in questo caso sancisce l’arrivo per il prossimo anno di pietanze a base dei piccoli animaletti.

Un 2018 dove alghe, ma soprattutto insetti commestibili o prodotti che li hanno tra gli ingredienti, potranno essere commerciati liberamente in tutti gli Stati europei, dopo aver ricevuto un’autorizzazione generale da parte della Ue e non, come prima, un via libera da ciascun paese comunitario.

In pochi ci avrebbero creduto davvero, ma potrebbe essere proprio questo l’alimento a spopolare nel futuro, sia per ragioni di trend che di tutela ambientale.

In Italia pure potremmo vedere nei banchi del supermercato grilli, camule, formiche e cavallette, cosa che darà nausea a molti compatrioti.

Ci sono però una serie di sondaggi che manifestano una tendenza inversa, ossia la curiosità del popolo italiano verso questo nuovo alimento.

Una ricerca della Società Umanitaria di Milano e del suo Centro studi per lo sviluppo sostenibile (Css), afferma che il 47% degli intervistati si è dichiarato favorevole alla liberalizzazione degli insetti in tavola e il 28% è interessato a mangiarli.

Andrea Mascaretti, presidente del Css, ha commentato: “Questi dati dimostrano una disponibilità maggiore di quanto ci aspettassimo. Pensiamo che in Italia il primo ristorante di sushi è stato aperto negli anni Settanta a Roma. Ci sono voluti trent’anni perché diventasse comune”.

Un futuro curioso quindi, ma che dal lato della scienza sarebbe migliore proprio con un incremento del consumo degli insetti, un pasto capace di dare un buon apporto di proteine senza consumare suolo o mangime come le fonti animali tipiche.

Non resta che vedere se un giorno… ordineremo una margherita funghi e formiche!

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0