Tempo di lettura: 1 Minuti

Pubblicità sui social: qualche dritta su come farla bene

Pubblicità sui social: qualche dritta su come farla bene

La comunicazione è al centro dell’attenzione, come sfruttarla al meglio. La pubblicità ormai si fa sul web, e lo sappiamo. Il trucco sta nel fare pre

Bussetti contro gli eccessivi allarmismi a scuola: no agli avvisi a casa
Lavori in corso al Liceo di Chieti
Abercrombie: compi 25 anni? Sei licenziato!

La comunicazione è al centro dell’attenzione, come sfruttarla al meglio.

La pubblicità ormai si fa sul web, e lo sappiamo. Il trucco sta nel fare presa sul maggior numero di persone possibile con una pubblicità d’effetto, essenzialmente quella che in gergo si chiama Social Media Strategy. Si può essere divertenti o seri, sarcastici o molto tecnici, dipende dal pubblico a cui ci si vuole rivolgere per il servizio offerto.

Il filo diretto tra persone e social media porta le aziende a dover trovare qualcosa di più amichevole e meno istituzionale della pubblicità che si trova in TV, si veda la strategia poco politically correct di Taffo, l’azienda di pompe funebri. (Se non conoscete la loro pagina Facebook andateci, sono geniali!).
Quale deve essere la social media voice per ogni azienda? Cioè come si definisce il linguaggio da scegliere? Sono quattro i criteri principali:

  1. Le caratteristiche del pubblico, dal luogo in cui si trova alla demografia;
  2. il linguaggio vero e proprio, se più o meno professionale;
  3. il tono con cui parlare
  4. l’obiettivo da raggiungere, semplicemente quello di informare o quello, ad esempio di divertire.

Poi c’è la scelta del social su cui comunicare che ha diverse caratteristiche come sono diverse le persone che lo usano:

  • Twitter richiede di essere brevi e concisi e bisogna studiare l’uso degli hashtag
  • Facebook ha la fortuna che le foto vanno alla grande
  • Instagram anche punta tutto sulle immagini e aggiunge la possibilità di usare le storie.

Centrare la strategia di comunicazione non è altro che centrare un obiettivo preciso e non è da sottovalutare. Aiuta l’azienda a vendere ma anche a rendere i clienti affezionati o ad essere riconoscibili in mezzo a tanti altri. È importante, e poi è una figata!

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0