Tempo di lettura: 1 Minuti

Legge 104 popolarissima tra i docenti: usata nove volte di più

Legge 104 popolarissima tra i docenti: usata nove volte di più

Dati preoccupanti che fanno aprire una tavola rotonda con MIUR, Inps, Regioni e Ministero della Salute. Quante volte avete sentito dai vostri genitor

Università tra sbarramenti e numero chiuso
Università di Parma, iscrizioni al via
Oggi il Frutta Fresca Festival con FacceCaso sul palco!

Dati preoccupanti che fanno aprire una tavola rotonda con MIUR, Inps, Regioni e Ministero della Salute.

Quante volte avete sentito dai vostri genitori o da qualcun altro che una persona non si è presentata al lavoro perché “usa la 104”? Io tante, ma questa famigerata legge 104 cos’è?

Innanzitutto è una

legge che riguarda i disabili o i loro parenti che solitamente li assistono; per questi ultimi sono previsti tre giorni di permesso retribuito mensile come per chi convive con un portatore di handicap ha diritto a due anni, interi o scaglionati, di congedo sempre pagato.

Una legge fondamentale, se teniamo presente la fatica e l’impegno che sono necessari per prendersi cura di un familiare con difficoltà; c’è un lato negativo però: chi ne approfitta.

C’è stato un record nell’ambito scolastico, nel senso che gli insegnanti si appellano alla legge 104 nove volte di più rispetto ai lavoratori nel settore privato. Un dato problematico che ha fatto sorgere parecchi dubbi, per questo inizieranno dei controlli più severi da parte del MIUR.

Tra poco inizieranno i lavori divisi tra Ministero dell’istruzione quello della Salute, Inps e Regioni per far sì che uno strumento così utile come la 104 non venga utilizzato dai fannulloni.

Circa il 13% dei docenti in ruolo fa ricorso al permesso pagato mentre solo il 5% dei supplenti ne fa uso, strano eh. Come al solito il Centro-Sud è quello che registra le percentuali più alte, dalla Sardegna che si avvicina al 20% alla Campania che supera il 15%.

Sapete che chi ha diritto alla 104 ha diritto ad agevolazioni anche nelle graduatorie di scuola? Proprio perché occupandosi di un disabile non potrà essere spostato molto lontano. Deve cambiare qualcosa! I controlli sono sicuramente importanti ma anche i criteri di assegnazione devono essere rivisti, o no?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0