Tempo di lettura: 1 Minuti

Fotografia a scuola, l’idea di Marirosa Toscani

Fotografia a scuola, l’idea di Marirosa Toscani

Allontanare i ragazzi dalla fotografia dello smartphone e avvicinarli a quella della fotocamera. Una proposta dedicata alla riqualificazione di un'art

WhatsApp in campo contro le “Fake News”
Arriva il patentino per smartphone
Cellulari a scuola: progresso nella giusta direzione?

Allontanare i ragazzi dalla fotografia dello smartphone e avvicinarli a quella della fotocamera. Una proposta dedicata alla riqualificazione di un’arte in ascesa.

Sapete chi sono Marirosa ed Oliviero Toscani? Sono due fratelli che hanno in comune una grande passione di cui hanno fatto un grande lavoro: la fotografia.

Parliamo, in questo caso, di Marirosa che ha 86 anni e ha deciso di chiedere al comune di Milano di insegnare l’importanza della fotografia nella scuola elementare.

Non parliamo di fotografia da Instagram, quella sociale e tutta uguale che invade le bacheche dei vari social, parliamo delle foto quelle vere che mettono i brividi anche solo osservando la luce. E quale modo migliore di creare una nuova generazione di veri fotografi se non l’approccio con i bambini?

Non si parla solo di foto, Marirosa parla di poesia che si esprime dallo scatto allo sviluppo, sia artigianale quindi in camera oscura sia quella più moderna in digitale; perché la modernità va bene se interpretata correttamente.

L’obiettivo è quello di iniziare da Milano e di coinvolgere molti colleghi della Toscani per creare un progetto più a lungo raggio e di andare in giro nelle scuole d’Italia.

I bambini potrebbero essere già coinvolti dalla prima elementare, come spiega la fotografa nella lettera inviata al sindaco, perché sa come far appassionare le persone. Dice anche questo quando racconta in che modo ha fatto avvicinare suo fratello minore Oliviero al mestiere del loro papà, fotografando le auto.

Prima si impara, meglio è secondo Marirosa, prima che i telefonini possano insegnare ai bambini la versione anonima della fotografia.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0