Tempo di lettura: 3 Minuti

Milano sempre più europea ma sempre meno italiana?

Milano sempre più europea ma sempre meno italiana?

Il capoluogo lombardo come centro dell’innovazione e del mondo delle startup ma ha anche dei difetti. Milano si erge sempre di più tra le città itali

E se Google stesse pensando all’ ecommerce?
Amazon Go è il supermercato rivoluzionario già realtà
Instant Pickup, il nuovo modo di Amazon per le consegne rapidissime

Il capoluogo lombardo come centro dell’innovazione e del mondo delle startup ma ha anche dei difetti.

Milano si erge sempre di più tra le città italiane come vero esempio di polo europeo con la sua dinamicità e modernità.

Non è solo un’affermazione, tutto ciò viene confermato dai dati emersi dal rapporto della Camera di Commercio che l’ha valutata in materia di giovani, start up ed internazionalizzazione.

Non è un caso che Milano rappresenti il polo di innovazione per coloro che hanno sotto i trent’anni e che vogliono iniziare qualcosa nel campo della tecnologia come anche gli investimenti stranieri che stanno aumentando a vista d’occhio.

Vi basti sapere che

ci sono circa 3500 imprese che contano una partecipazione estera che comportano la creazione di 280 mila posti di lavoro in più.

Il punto di svolta è l’Expo del 2015 anche se Milano ha sempre portato alta la bandiera di capitale italiana dell’economia, come rappresenta anche l’idea diffusa che possa sostituire Londra dopo la Brexit.

Un toccasana per la disoccupazione giovanile, dato che le startup presenti sul territorio milanese sono aumentate del 38% e sono circa 9 mila gli under 30 che hanno già un lavoro.

Bisogna anche pensare ai nuovi acquisti provenienti dall’estero, come le sedi di Microsoft, Samsung e Amazon in zona Porta Volta; ma anche le due squadre di calcio cittadine Inter e Milan di recente rilevate da imprenditori cinesi.

Le aziende milanesi sfiorano le 300 mila che hanno come principale settore il manufatturiero, che è quasi il 97%.

Tutto molto bello, se non fosse che lo spirito d’iniziativa giovanile è calata dello 0,4% e le aziende che nascono sono quasi tutte nazionali e non allargano verso l’estero le proprie vedute.

Innovazione sì, ma non del tutto italiana.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0