Tempo di lettura: 1 Minuti

Il metodo St. Philip: essere internazionali e al passo con i tempi

Il metodo St. Philip: essere internazionali e al passo con i tempi

I tempi corrono. Il mondo impone determinate skill. La St. Philip School propone il suo metodo che strizza l'occhio ad una concreta internazionalizzaz

Primo giorno di scuola posticipato: bufera sulla proposta dell’assessore Corsini a Bologna
Depressione da Instagram
La parola alla dirigente scolastica sospesa

I tempi corrono. Il mondo impone determinate skill. La St. Philip School propone il suo metodo che strizza l’occhio ad una concreta internazionalizzazione degli studenti.

In una società culturalmente globalizzata, come quella in cui viviamo attualmente, la conoscenza di una sola lingua non è più sufficiente. Se prima, infatti, l’istruzione scolastica era basata sul modello culturale nazionale ed incentrata, quindi, esclusivamente sull’identità del proprio paese, adesso si assiste ad una sempre più evidente internazionalizzazione, frutto di una nuova società globalizzata.

Fino a qualche anno fa, come seconda lingua da conoscere e studiare, era sufficiente l’inglese, considerata la lingua internazionale per eccellenza. Al giorno d’oggi è, invece, in forte aumento l’esigenza di conoscere approfonditamente, che sia per studio o per lavoro, lingue come l’arabo, il cinese o il russo.

L’offerta didattica della scuola italiana prevede, purtroppo, pochissime ore settimanali dedicate allo studio di una lingua straniera (generalmente l’inglese), insufficienti per stimolarne e garantirne la piena padronanza linguistica. Nel mondo del lavoro o semplicemente nella quotidianità di ogni persona, vivendo in una società sempre più globalizzata ed internazionale, la conoscenza di più lingue straniere è indispensabile. Ma una conoscenza approssimata o soltanto “teorica” non sopperisce a questa necessità.

Occorre, infatti, padroneggiare la lingua straniera come si padroneggia la propria lingua madre. Quando si pensa al futuro dei propri figli, bisogna valutare l’evoluzione della società di cui faranno parte ed in cui cresceranno, culturalmente e lavorativamente parlando. Sull’onda di questa nuova esigenza culturale è nata la realtà della scuola bilingue. Una realtà in continua espansione che, a differenza della scuola internazionale (basata su un curriculum inglese), prevede lo svolgimento dell’offerta didattica parallelamente in lingua italiana e in lingua inglese.

La St. Philip School, scuola bilingue al centro di Roma, nel bellissimo quartiere di San Giovanni, ha sviluppato questa nuova proposta educativa.

IL METODO ST. PHILIP

La St. Philip School adotta un metodo pratico di insegnamento, la “scuola del saper fare”, che intende, appunto, promuovere in maniera pratica l’apprendimento sia in lingua italiana sia in lingua
inglese, grazie alla collaborazione con Istituti di Ricerca pedagogica e didattica. Una scuola, dunque, dove teoria e pratica si fondono e si equivalgono. La struttura della St. Philip School comprende attualmente la scuola dell’infanzia bilingue e la scuola primaria bilingue. Al fine di soddisfare le richieste sempre maggiori e fornire una formazione scolastica completa, l’offerta didattica verrà ampliata con l’attivazione della scuola secondaria bilingue di primo e di secondo livello.

I bambini, durante il corso della giornata, svolgono attività di varo genere in entrambe le lingue, sia durante le lezioni, sia durante le ore di gioco, dei pasti, oppure durante le attività musicali o quelle legate alla psicomotricità. Il contatto con le lingue, al fine di garantirne un pieno padroneggiamento, avviene simultaneamente e parallelamente in ogni fascia della giornata scolastica.

L’obiettivo della scuola bilingue è quello di consentire agli studenti, attraverso un processo totalmente naturale e spontaneo, di leggere, scrivere e parlare padroneggiando correttamente e allo stesso modo sia la lingua italiana sia la lingua inglese. Il personale docente madrelingua vanta un percorso formativo di altissimo livello, garantito da una formazione ed un aggiornamento costante.

#FacceCaso

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0