Tempo di lettura: 3 Minuti

Book Cities: l’app ideale per chi legge

Book Cities: l’app ideale per chi legge

Trovare librerie in giro per le città in modo da dargli nuovo valore, l’idea arriva dalla Svizzera. Chi dice che le applicazioni debbano mostrarci so

Per i venti anni Tamagotchi arriva su smartphone
Suburra la serie, eccola su Netflix
Al liceo Annibal Caro vogliono tagliare tre classi

Trovare librerie in giro per le città in modo da dargli nuovo valore, l’idea arriva dalla Svizzera.

Chi dice che le applicazioni debbano mostrarci solo i ristoranti o gli hotel che abbiamo vicino? Perché non può mostrarci anche le librerie? Questa è stata la domanda della designer svizzera Anna Haas che ha creato Book Cities, la prima app che mappa la presenza di librerie, che per ora non sono molte ma tante stanno ricevendo la mail in cui sono invitate ad iscriversi.

Tutto questo per dare risalto ad un’antica tradizione come quella delle librerie storiche, in cui non si trovano solo articoli da comprare ma anche vecchie edizioni e piccoli tesori.

Book Cities non mostra solo dove si trova la libreria, ma anche i dettagli come gli orari e la descrizione; ognuno si può segnare la sua libreria preferita e stilare una lista che si può condividere sui social con i propri amici. Si possono fare ricerche anche per tipologia, dalle rivendite di libri usati alle catene vere e proprie.

Questo nuovo “Tripadvisor” del lettore è un’idea per rivalutare l’istituzione in sé della libreria dando risalto a quelle che non possiamo trovare in tutte le città ma che hanno una loro particolarità. Direi che bisogna accedere no? Quindi anche noi invitiamo tutte librerie a registrarsi sul portale gratuitamente così da ampliare l’offerta dei negozi.

Io adoro visitare le librerie e comprare qualcosa, anche in una lingua sconosciuta da mettere sugli scaffali e da aprire quando si vuole rivivere un bel momento o una bella città. Sono dei souvenir niente male, credetemi!

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0