Tempo di lettura: 1 Minuti

Estate per i ragazzi autistici, gli appelli inascoltati di Ugo Mainolfi

Estate per i ragazzi autistici, gli appelli inascoltati di Ugo Mainolfi

Mentre la maggior parte dei ragazzi se la spassa a Mykonos, Ostia o Gallipoli, c’è chi l’estate la vive come una condanna. Gabriele, 18 anni, è uno di

Sapienza: il racconto degli OpenDay
Summer Lab sui diritti
Miur: quanto ne sai di Ovidio?

Mentre la maggior parte dei ragazzi se la spassa a Mykonos, Ostia o Gallipoli, c’è chi l’estate la vive come una condanna. Gabriele, 18 anni, è uno di questi.

Ogni estate torna per i ragazzi autistici lo stesso problema che da anni li immobilizza a casa con un’unica compagna fissa: il caldo.

I genitori dei ragazzi che hanno superato l’infanzia non trovano case famiglia, centri estivi o parchi che se ne prendano cura e sono costretti a lasciarli a casa nell’inattività più completa.

A far sentire forte la voce della protesta è Ugo Mainolfi, l’organizzatore di eventi della mondanità romana e consigliere dell’Accademia europea per le relazioni economiche e culturali, nonno di un ragazzo affetto da autismo.

Le sue richieste al comune di Roma e al ministero della Sanità sono rimaste inascoltate, come anche quelle a “Asl, servizi sociali, dirigenti regionali, ministero, polizia, Corte d’Appello”.

Gabriele, il nipote, dovrà passare con altre migliaia di ragazzi autistici un’ennesima estate interminabile.

È vero, spesso noi a tutto ciò non facciamo caso. Però sarebbe giusto fermarsi un attimo. Anche solo un secondo. Ma si, per provare ad immedesimarci in realtà che sembrano lontane dalle nostre fortune.

Prova a pensarci. Anzi,

#FacceCaso

Di Alessandro Luna

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0