Tempo di lettura: 1 Minuti

Semestre di scuola superiore all’ estero- Partenza Gennaio

Semestre di scuola superiore all’ estero- Partenza Gennaio

Ultimi giorni per partecipare alle selezioni, ecco tutte le mete disponibili. Il nuovo anno scolastico è alle porte ed è tempo di pensare a libri, or

Manda le tue foto di nudo a Facebook, le userà per proteggerti
L’Australia brucia: giovany a rapporto!
A Catania un brevetto contro le microplastiche invisibili

Ultimi giorni per partecipare alle selezioni, ecco tutte le mete disponibili.

Il nuovo anno scolastico è alle porte ed è tempo di pensare a libri, orari e materie. È anche il momento per realizzare progetti che si sognano da tempo come studiare all’ estero per un periodo.

Per gli studenti di scuola superiore che hanno questo desiderio, e che magari non hanno fatto in tempo a partecipare alle selezioni per le partenze di settembre 2017, è ancora possibile partecipare partendo a Gennaio-Febbraio 2018 per un semestre scolastico.

L’esperienza, al pari dell’anno all’estero, è organizzata nell’ambito delle regole sulla mobilità internazionale del Miur ed è riconosciuta per il rientro in Italia all’anno di scuola di competenza, senza “perdere l’anno”insomma.

– Per gli studenti interessati vediamo una panoramica di mete e requisiti –

Sono molte le mete possibili tra cui scegliere, anche per un solo semestre di high school all’ estero. Per esempio l’organizzazione New Lands srl dà la possibilità, fino a metà ottobre 2017 circa, di partecipare alle selezioni per partire per

  • Stati Uniti, con numerosi programmi e opzioni per un semestre all’estero, tra cui la scelta della scuola da frequentare negli Usa, la città e lo Stato (con mete più conosciute come California, Massachussets, Florida, e città come New York, Miami, Los Angeles, Phoenix, Boston e così via) o meno note ma più caratteristiche, e la possibilità di soggiornare sia in famiglia che in college.
  • Regno Unito, meta sempre popolare nonostante i venti di Brexit, con possibilità di frequentare sia una prestigiosa boarding school inglese che una scuola pubblica locale, con alloggio in famiglia o in college.
  • Irlanda, con il programma Exchange in famiglia e scuola pubblica e possibilità di scegliere tra Dublino, Cork, Killarney o Monaghan.
  • Francia, per chi desidera conoscere da vicino lingua e cultura del nostro vicino d’oltralpe, alloggiando in famiglia o boarding school locale e frequentando un liceo francese. Esperienza idonea anche per studenti di programmi Esabac
  • Germania, con alloggio in famiglia locale e frequenza di un liceo tedesco, in regioni a scelta come Bavaria, Freiburg, Monaco, Berlino, e altre.
  • Spagna, per un semestre scolastico in famiglia volontaria e liceo spagnolo
  • Sempre oltre oceano, Canada e Australia sono mete di grande interesse per gli studenti italiani, per la possibilità di frequentare programmi bilingue inglese-francese in scuole canadesi, o per conoscere un Paese e culture diverse dalle proprie, vivendo in famiglie locali accoglienti e selezionate.

– Come ci si iscrive? –

Per partecipare, gli studenti interessati non devono avere più di 18 anni di età al momento della partenza, e avere una buona media scolastica (almeno 6 e mezzo), e superare la prova di selezione che solitamente consiste in un colloquio orale in lingua straniera. Livello linguistico richiesto solitamente: intermedio. Basta visitare il sito dell’organizzazione annoallestero.it e prenotare un colloquio di selezione, nei tempi indicati sul sito stesso (entro metà ottobre al massimo per partenze di gennaio).

– Quali sono i benefici di un periodo di scuola superiore all’estero? –

Come recentemente ha anche scritto sull’argomento una testata nota come Vanity Fair, studiare all’ estero non solo permette di acquisire sicurezza nell’uso di una lingua straniera per studio e per lavoro, ma soprattutto rafforza la sicurezza in se stessi negli studenti, la capacità di affrontare piccoli imprevisti senza i genitori, di conoscere culture e modi di vivere diversi dai propri, e acquisendo una maggiore tolleranza verso il “diverso”. Inoltre, le skills acquisite permettono di avere una marcia in più e una maggiore consapevolezza nella scelta dell’università e del tipo di studio da seguire dopo il diploma e di essere più attivi e propositivi nelle esperienze di lavoro future e nella scelta della propria carriera.

Tutte qualità confermate dai genitori degli studenti che negli anni hanno partecipato a questo tipo di esperienza all’estero, e abilità molto importanti per il futuro dei nostri ragazzi, e per il nostro mondo attuale continuamente in movimento.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0