Vaccini, che caos!

Vaccini, che caos!

Il decreto ASL sta creando non pochi problemi, scopriamo quelli più gravi. Se ne parla da tempo, è stato uno degli argomenti più caldi dell'estate ed

Giorgio Armani sponsorizza giovani registi
Un Tv Lg che si arrotola, non stiamo scherzando
Il fascino della divisa scolastica firmata Giorgio Armani

Il decreto ASL sta creando non pochi problemi, scopriamo quelli più gravi.

Se ne parla da tempo, è stato uno degli argomenti più caldi dell’estate ed ora rischia di provocare un vero e proprio caos. Stiamo ovviamente parlando dei vaccini, da quest’anno necessari per poter frequentare regolarmente il nido e la scuola materna.

La ASL ha fissato la scadenza: entro l’11 settembre i genitori avrebbero dovuto avere pronte le prenotazioni per tutte le vaccinazioni richieste o i loro figli non sarebbero potuti tornare a scuola.

Una scadenza che ha scatenato un’autentica corsa ai vaccini, con una lista di attesa di oltre 3 mesi e più di 70 mila persone in coda solamente a Roma, come riporta Il Messaggero. Alcuni genitori, intervistati da Uno Mattina, hanno rivelato la loro difficoltà nel prendere un appuntamento;

  • difficoltà parzialmente risolte con l’ausilio dell’app “Tu Passi”, creata per limitare il più possibile l’attesa negli ambulatori
  • difficoltà che hanno incontrato anche i presidi nel gestire la situazione al rientro in classe, quando, nonostante la scadenza e la corsa ai vaccini, molti bambini si sono presentati senza la documentazione necessaria.

Un problema non da poco, quindi, che ha rischiato di far saltare il primo giorno di scuola e che ha costretto i dirigenti scolastici a rispedire a casa i bambini non vaccinati, o peggio, a confinarli in aule separate!

Caos totale dunque e, come se non bastasse, pare che non sia ancora chiaro a chi spetti il compito di verificare l’effettiva vaccinazione dei bambini, se alle scuole o direttamente alla ASL, come accade in Toscana e nel Lazio.

Insomma, va bene favorire la prevenzione, ma forse prima bisognerebbe curare il sistema, no?!

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0