Tempo di lettura: 1 Minuti

Carta docente? 500 euro per garantire di rimanere sempre aggiornati

Carta docente? 500 euro per garantire di rimanere sempre aggiornati

La Carta docente è il modo in cui il governo incoraggia i docenti a essere preparati. Ogni docente di ruolo ha diritto alla " Carta docente ". A che

Abbiamo alcune novità su Instagram: Snapchat bombardato
Compagno in difficoltà? No problem, noi di Faenza impariamo la LIS!
Grandi novità in arrivò con l’upgrade di WhatsApp

La Carta docente è il modo in cui il governo incoraggia i docenti a essere preparati.

Ogni docente di ruolo ha diritto alla ” Carta docente “. A che serve?

Questa carta magica contiene 500 euro che l’insegnante può spendere in vari modi purché questi abbiamo come fine l’aggiornamento professionale.

La piattaforma per richiedere la carta è stata riattivata pochi giorni fa, il 14 settembre. Per ottenerla è necessario solo essere in possesso di un’utenza SPID, ovvero un’identità digitale. Per chi non dovesse ancora averne una potrà richiederla presso uno di questi enti: Infocert, Poste Italiane, Sielte o Tim.

Una volta in possesso delle credenziali digitali sarà possibile accedere alla propria area dove si controllano i conti e le transizioni effettuate. Attenzione che solo entro la fine di ottobre saranno spendibili i soldi accumulati dall’anno scolastico passato e non ancora spesi.

La Carta del docente è un’iniziativa del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca ed è nato come un incentivo per i professori ad essere sempre preparati. Ma cosa si può effettivamente comprare con questi soldi?

In verità i beni che si possono acquistare sono di diverso tipo:

  • libri, riviste;
  • hardware e software;
  • iscrizioni a corsi di aggiornamento;
  • iscrizioni a corsi di laurea o specialistica;
  • accesso a cinema, teatri, mostre, musei;

e varie altre iniziative inerenti al campo di insegnamenti del docente in merito.

Personalmente penso che l’idea sia buona, credo fortemente che tutti i soldi spesi in “cultura” non siano mai soldi persi ma costituiscano sempre un investimento.

E voi che e pensate? Credete che questi soldi avrebbero potuto avere un impegno migliore?

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0