Tempo di lettura: 2 Minuti

Luca Annecchino orgoglio tricolore: a Londra nel team del robot che osserva i neuroni

Luca Annecchino orgoglio tricolore: a Londra nel team del robot che osserva i neuroni

Con la messa a punto di questa nuova tecnologia la ricerca sulle malattie neurodegenerative potrebbe essere arrivata ad un punto di svolta. #FacceCaso

Quando l’ anonimato diventa un gioco
Maturità 2020: le richieste degli studenti per il Miur
L’Università di Bari crea un ponte con la Romania

Con la messa a punto di questa nuova tecnologia la ricerca sulle malattie neurodegenerative potrebbe essere arrivata ad un punto di svolta. #FacceCaso.

Luca Annecchino fa parte del team di ricercatori che ha realizzato il robot capace di osservare i neuroni all’interno del cervello.

Il giovane ha conseguito la laurea triennale in Ingegneria Informatica presso l’Università del Sannio nel 2009, la laurea magistrale in “Micro e Nanotecnologie” nel 2011, titolo congiunto tra il Politecnico di Torino, Epfl-Losanna e l’Istituto Pololitecnico di Grenoble e, infine, il dottorato di ricerca in “Bioingegneria e Neurotecnologie” all’Imperial College di Londra nel 2016. Attualmente si occupa di ricerca e sviluppo presso la “Boston Scientific, Neuromodulation” a Londra.

La rivista Neuron ha pubblicato la ricerca effettuata all’Imperial College di Londra, insieme al collega Schultz. Con la messa a punto di questa nuova tecnologia la ricerca sulle malattie neurodegenerative potrebbe essere arrivata ad un punto di svolta.

Il robot è in grado di individuare autonomamente i neuroni, agganciarli e registrare la loro attività elettrica in maniera più accurata e veloce di quello che possono fare gli esperti.

#FacceCaso

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0