Tempo di lettura: 2 Minuti

Selfie, ci mancava solo il 3D

Selfie, ci mancava solo il 3D

Dopo cinema e stampa, il 3D sbarca anche sugli smartphone. Selfie in 3D, da fantascienza a realtà. Alcuni ricercatori dell'Università di Nottingham,

Hold: l’APP per non usare il cellulare. Ma in che senso?
Erasmus tra i licei in Europa. Partecipiamo con l’Amaldi
Scuole paritarie in via d’estinzione?

Dopo cinema e stampa, il 3D sbarca anche sugli smartphone.

Selfie in 3D, da fantascienza a realtà. Alcuni ricercatori dell’Università di Nottingham, guidati da Yorgos Tzimiropoulos, hanno creato una tecnica che permette di riprodurre i volti in 3D partendo da un’immagine bidimensionale.

400.000 persone hanno già ricevuto il permesso di provare l’app. Quest’ultima sfrutta una serie di algoritmi e reti neurali dell’intelligenza artificiale. In altre parole il programma è stato “istruito” a partire da una banca dati di 80.000 foto bidimensionali, associate ai rispettivi modelli tridimensionali del viso.

“Il nostro approccio è più semplice rispetto a quello di altre tecniche” ha commentato soddisfatto Tzimiropoulos. Il sistema lavora infatti in maniera del tutto casuale sulla posa e sulle diverse espressioni.

Grazie alla tecnica messa a punto dai ricercatori di Nottingham sarà possibile personalizzare i videogiochi e migliorare la realtà aumentata. Non solo, il programma nei prossimi anni potrebbe contribuire a raggiungere risultati importanti anche in campo medico, simulando un intervento di chirurgia plastica, oltre ad aiutare i dottori a comprendere patologie come autismo e depressione.

L’app rappresenta, di fatto, l’evoluzione digitale della stampa 3D, che permetteva, tra le altre cose, di creare sculture in miniatura, quasi dei mini cloni di sé stessi. Un processo che richiedeva però costi assai elevati, distribuiti tra scansione, modellazione, pulitura e spedizione della statuetta.

Il programma creato dagli uomini di Tzimiropoulos, invece, permette di avere modelli dello stesso tipo in tempo reale e a portata di smartphone, con una spesa praticamente uguale a 0. Un passo avanti importante insomma, d’altronde lo è sempre quando si passa da una dimensione all’altra.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0