Tempo di lettura: 1 Minuti

Imprese pigre? Firenze offre cash in cambio dell’alternanza scuola lavoro

Imprese pigre? Firenze offre cash in cambio dell’alternanza scuola lavoro

“Quest'anno è l'anno della svolta ed è fondamentale che le aziende aprano le loro porte per ospitare i nostri ragazzi”. #FacceCaso. Didacta è notoria

5 modi per sfruttare l’alternanza scuola-lavoro a proprio vantaggio
Alternanza scuola-lavoro: gli studenti di Bisceglia fanno pratica da Adn Call Center

Buona Scuola: l’alternanza scuola-lavoro è davvero una buona possibilità per i giovani studenti?

“Quest’anno è l’anno della svolta ed è fondamentale che le aziende aprano le loro porte per ospitare i nostri ragazzi”. #FacceCaso.

Didacta è notoriamente la fiera sul mondo della scuola. In questa occasione la Camera di Commercio Firenze ha promesso contributi fino a 1300 euro per le imprese che ospitano studenti in alternanza scuola lavoro e tirocini in azienda retribuiti 500 euro al mese per sei mesi ai giovani NEET (i ragazzi che non studiano e non lavorano) per digitalizzare le imprese.

“Fare di tutto per creare un nuovo legame fra aziende e mondo della scuola, così come incentivare i ragazzi a formarsi sulle competenze digitali che fanno la differenza nella competitività, sono le carte vincenti per dare impulso al Paese di domani e apportare un colpo decisivo a una disoccupazione ancora troppo persistente. Con questi contributi proviamo a stimolare ragazzi e imprese a mettersi in gioco e a iniziare a costruire il loro futuro fin da oggi. Sarebbe follia non approfittarne”. Ha sottolineato il presidente Leonardo Bassilichi.

“L’alternanza è per noi uno strumento fondamentale per la crescita dei ragazzi, è scuola a tutti gli effetti. Quest’anno è l’anno della svolta ed è fondamentale che le aziende aprano le loro porte per ospitare i nostri ragazzi. Molto positiva l’iniziativa di Camera di Commercio di Firenze che con lo strumento del voucher dà un sostegno concreto per tutte quelle aziende che prendono in alternanza i ragazzi, questa è la strada e invito tutte le camere di commercio della Toscana a seguire questa via”. Ha detto il sottosegretario Gabriele Toccafondi.

A quanto pare accedere ai contributi di Camera di Commercio di Firenze per le aziende sarà facilissimo. Basterà iscriversi gratuitamente al Registro dell’alternanza scuola lavoro, avere sede legale o operativa a Firenze, attivare il percorso di alternanza entro l’anno o averlo già attivato a partire dal 23 maggio 2017.

Per incentivare le aziende, ogni impresa che farà domanda di contributo in Camera di Commercio di Firenze, potrà ottenere 400 euro se ospita uno studente, 800 euro per due studenti, mille euro per tre o più studenti. Un importo aggiuntivo di 100 euro a studente verrà erogato in caso di studenti disabili, fino ad un massimo di tre.

In base ai dati del MIUR, sono più di 15mila gli studenti che ogni anno partecipano a percorsi di alternanza. Soltanto 111 aziende, su un totale di 138mila, hanno dato pubblica disponibilità a ospitare i ragazzi iscrivendosi al Registro Nazionale dell’Alternanza.

Per stimolare le imprese all’alternanza scuola lavoro fanno parte del pacchetto messo a punto da Camera di Commercio di Firenze e Unioncamere altre tre azioni:

  • attività di formazione gratuita per i tutor che nelle aziende dovranno seguire i gli studenti
  • costituzione di una rete sul territorio che includa Centri per l’impiego, istituti scolastici, imprese, università, enti di formazione e locali
  • realizzazione di una piattaforma web per incrociare le competenze degli studenti iscritti all’alternanza con i dati di Excelsior

Insomma, aziende di Firenze e di tutta Italia.. cosa state aspettando?

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0