Arabia, un’università vara una scuola guida per le donne.

Arabia, un’università vara una scuola guida per le donne.

L'iniziativa arriva pochi giorni dopo il decreto reale con cui era stato liberalizzato il diritto di guidare anche per le donne. L'Arabia Saudita, Sta

Se è donna, niente stretta di mano
Apre in Cile la prima scuola per giovani trans
A rischio la laurea di gay e lesbiche in Cina

L’iniziativa arriva pochi giorni dopo il decreto reale con cui era stato liberalizzato il diritto di guidare anche per le donne. L’Arabia Saudita, Stato che si regge su una monarchia assoluta di stampo islamico, è uno dei Paesi più arretrati per quanto riguarda i diritti delle donne. Un insieme di leggi e pratiche di segregazione che condizionano pesantemente sia la vita pubblica che quella privata.

Basti pensare che in Arabia Saudita le donne possono votare da poco più di due anni, mentre guidare un auto rimane ancora un’utopia. Almeno rimaneva. Pochi giorni fa, un decreto del re Salman ha finalmente concesso al gentil sesso il permesso di mettersi al volante. Entro 30 giorni, sarà costituito un pannello ministeriale affinchè  la norma entri in vigore. Una serie di passaggi che permetteranno alle patenti di essere rilasciate nel giugno 2018.

Parlare di un cambiamento epocale è sicuramente eccessivo, ma che uno dei divieti più anacronistici e insopportabili sia caduto è sicuramente un passo in avanti. Sembra incredibile, ma il Paese arabo era l’unico al mondo dove alle donne fosse impedito di guidare. Una regola che se trasgredita comportava una pena di 10 frustrate: a tanto fu condannata una donna saudita che nel 2011 fu sorpresa alla guida. Un atto barbarico che calpesta la dignità umana.

Di fronte a questo cambiamento, l’Università “Principessa Nourah”, il maggior centro pubblico per l’istruzione superiore delle donne, si organizza. Attraverso un tweet ha fatto sapere che” si prepara a inaugurare una scuola di guida, di concerto con le autorità competenti”. Metà delle popolazione dovrà infatti tornare sui banchi per studiare cartelli stradali e il funzionamento del motore, come è stato per i loro connazionali maschi. Solo dopo aver superato l’esame di “teoria”, le donne potranno mettersi dietro al volante. A quel punto dovranno superare l’esame pratico per diventare un pericolo costante!

Al di la degli scherzi, è necessario limitare l’euforia per quest’apertura, consapevoli che la vera emancipazione delle donne saudite necessita di svolte radicali.

#FacceCaso

Di Luca Pennacchia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0