Tempo di lettura: 3 Minuti

Boom di iscritti alle università milanesi

Boom di iscritti alle università milanesi

Alla Statale crescono soprattutto le matricole dei corsi di laurea magistrale, che passano da 1.965 a 2.250. #FacceCaso. Boom di iscritti alle univer

Ti sei mai chiesto cosa sia veramente l’intelligenza? Forse non è proprio quello che pensi…
College decision: il nuovo trend di YouTube
Una custodia blocca smartphone

Alla Statale crescono soprattutto le matricole dei corsi di laurea magistrale, che passano da 1.965 a 2.250. #FacceCaso.

Boom di iscritti alle università pubbliche milanesi. Alla Statale si registra una crescita del 2%, alla Bicocca tra l’8 e l’11%, con una media di mille studenti in più rispetto allo scorso anno nello stesso periodo.

Per Paolo Cherubini, prorettore della Bicocca, la prima ragione dell’aumento degli iscritti, è il calo delle tasse.

“Con la Legge di stabilità del 2016 gli atenei hanno dovuto riformulare le politiche di tassazione, con il risultato che studiare costa meno. E questo è particolarmente vero per la Bicocca dove la riduzione delle tasse ha riguardato fasce che coinvolgono il 95 per cento degli studenti. Siamo tra le università che hanno ridotto più di tutti”.

Iscrizioni in aumento che senza numero chiuso, potrebbero crescere ancora di più. “Le iscrizioni a questi test sono salite, tuttavia senza questo argine sarebbe stato difficile garantire un servizio di qualità La nostra missione non è quella di fare incetta di studenti”.

Alla Statale crescono soprattutto le matricole dei corsi di laurea magistrale, che passano da 1.965 a 2.250. L’ateneo è riuscito a far arrivare molti laureati del Sud che scommettono su Milano per la loro specializzazione.

“Sui corsi delle umanistiche lo avevamo ampiamente previsto per questo eravamo convinti della bontà del numero chiuso. Per quanto riguarda invece la crescita delle lauree magistrali è un ottimo segnale perché significa che stiamo lavorando bene”. Dice Giuseppe De Luca prorettore alla didattica della Statale.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0