Tempo di lettura: 3 Minuti

La Cappella Sistina come non l’avete mai vista

La Cappella Sistina come non l’avete mai vista

Un progetto che punta a far conoscere ai ragazzi dagli 8 ai 19 anni la Cappella Sistina. #FacceCaso. Marco Balich, ideatore dello show ‘Giudizio Univ

L’Università di Bari ha risanato i conti

Erasmus e lavoro? Il connubio esiste
Liceo classico alla riscossa: vecchio a chi?

Un progetto che punta a far conoscere ai ragazzi dagli 8 ai 19 anni la Cappella Sistina. #FacceCaso.

Marco Balich, ideatore dello show ‘Giudizio Universale. Michelangelo e i segreti della cappella Sisitina’ ha lanciato una sfida agli studenti del Lazio. “Non manderete neanche uno snapchat durante lo spettacolo. Non vi annoierete, vi emozionerete”.

Un progetto che punta a far conoscere ai ragazzi dagli 8 ai 19 anni la Cappella Sistina, attraverso la visione dello spettacolo che debutterà il 15 marzo 2018 all’Auditorium Conciliazione di Roma.

“Io ho quattro figli e ogni volta che li portò in un museo sbuffano. Perché la cultura deve essere noiosa? Il progetto Artainment nasce dalla voglia di emozionare le giovani generazioni rispetto alle nostre meraviglie. ‘Giudizio Universale’ è un nuovo modo di far conoscere il nostro Rinascimento. Grazie alle nostre esperienze con le Olimpiadi, dal 15 marzo vi troverete immersi in uno spettacolo con una tecnologia che in Italia non si è mai vista. Ci saranno attori che interagiscono con le proiezioni, che saranno frontali ma anche laterali e dall’alto, in una sala foderata con un sistema audio pazzesco. Abbiamo chiamato gli ideatori di ‘Assassin’s Creed’ per ricostruire la Roma del 1508. Con una voce famosa, faremo un volo sulla città dell’epoca fino ad entrare nella cappella Sistina. Vogliamo coinvolgere le scuole per un progetto educativo, divertente e appassionante. E grazie alla Fondazione Bracco il biglietto per scuole sarà molto più economico”. Ha detto Balich.

“E’ uno show che si candida a essere il più innovativo e sorprendente del prossimo anno. Un format che, come sempre con Balich, coniuga innovazione e tradizione. L’iniziativa ‘Artainment@school’ si rivolge ai ragazzi, alla loro partecipazione attiva perché i giovani sono il nostro investimento”. Commenta l’imprenditrice Diana Bracco, presidente e ad della Fondazione Bracco.

“È un progetto entusiasmante, un’opportunità per le scuole del Lazio, visto che la nostra Regione fa da apripista. Attraverso l’arte i nostri ragazzi avranno la possibilità di partecipare all’alternanza scuola lavoro”. Conclude Gildo De Angelis, direttore dell’ufficio regionale scolastico.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0