Tempo di lettura: 1 Minuti

La Chiesa pensa alle Università per rifugiati per migliorare la situazione dell’immigrazione

La Chiesa pensa alle Università per rifugiati per migliorare la situazione dell’immigrazione

Dal 1 al 4 si terrà a Roma una conferenza che porrà il problema dell'immigrazione e dell'istruzione. Infatti molti rifugiati che arrivano in Italia so


Nasce il responsabile della comunicazione parrocchiale
Napoli: scuola chiusa da 10 giorni per il pericolo che venga inghiottita da una voragine
Chiesa moderna: il prete che ha aperto un’università di videogiochi

Dal 1 al 4 si terrà a Roma una conferenza che porrà il problema dell’immigrazione e dell’istruzione. Infatti molti rifugiati che arrivano in Italia sono ancora giovani e non sono andati a scuola. Una rete di Università che li accolga è il progetto comune di queste giornate.

E’ uno dei problemi più discussi in questo momento e tutti dicono che è proprio intorno all’immigrazione che ruoteranno le prossime elezioni. La chiesa da sempre si è posta dal lato dell’accoglienza e dell’integrazione. Ma ora comincia a proporre piani e soluzioni al grave problema che impegna le nostre coste e le nostre città. L’altroieri sono cominciati i lavori di una conferenza sul tema, che durerà fino a sabato 4 Novembre

Il convegno si chiama: “Rifugiati e Migranti in un mondo globalizzato: responsabilità e risposte delle Università” ed ha luogo nella Pontificia università Gregoriana, a Piazza della Pilotta a Roma, vicino al Quirinale. Partecipano rappresentanti dalle università di Sidney, Oxford, Ottawa e Kinshasa, l’UNHCR e il Jesuit Refugee Service. La conferenza ha come primo obiettivo quello di studiare più approfonditamente il tema dell’immigrazione. Per poi presentarlo agli studenti universitari in maniera da diffondere più conoscenze e competenze su questa questione.

Si mira quindi ad una “confederazione” di università che insieme alle ONG dovrebbe studiare un piano per l’istruzione e l’educazione dei migranti e dei rifugiati che arrivano in Italia, in Europa o in altri Paesi. Già 15 organizzazioni importanti hanno aderito, ma l’appoggio che più ha dato speranza a questa conferenza è stato quello di Papa Francesco, che ha incoraggiato tutti ad essere molto presenti nel mondo accademico. Infatti Papa Francesco ha molto a cuore la questione dei migranti. Questo lo ha spinto in passato a criticare le idee di Trump e delle destre italiane.

Quindi sabato 4 novembre incontrerà tutti i partecipanti della conferenza in Vaticano. Al termine 12 Università provenienti da tutto il mondo firmeranno un accordo per impegnarsi a non abbandonare la questione.

#FacceCaso

Di Alessandro Luna

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0