Tempo di lettura: 2 Minuti

Molestie sessuali, da Hollywood all’Università

Molestie sessuali, da Hollywood all’Università

L'ennesima accusa di molestie scuote l'universo accademico, la situazione è davvero così grave? Molestie, molestie ovunque. Si potrebbe riassumere pi

Florida: ennesima sparatoria a scuola
Odori artificiali vs rimedi naturali, è un TG USA 2.0 dicotomico
Legge 107: manifestanti in piazza a Palermo

L’ennesima accusa di molestie scuote l’universo accademico, la situazione è davvero così grave?

Molestie, molestie ovunque. Si potrebbe riassumere più o meno così quello che sta succedendo nel mondo da qualche settimana. Dopo le accuse rivolte al produttore cinematografico statunitense Harvey Weinstein, infatti, sono molti i personaggi ad essere finiti nell’occhio del ciclone.

Con una sorta di reazione a catena sono venuti fuori nomi importanti, da Kevin Spacey all’italiano Fausto Brizzi, tutti accusati di aver assunto atteggiamenti sessualmente espliciti verso colleghi e collaboratori. E ora, dopo il mondo cinematografico, anche quello universitario sembra vacillare.

Franco Moretti (fratello del noto regista), professore emerito a Stanford, è stato accusato dalla sua ex studentessa Kimberly Latta di molestie, stupro e violenze sessuali. Moretti si è dichiarato del tutto innocente, sostiene che si è trattato di rapporti consenzienti ma al momento nessuno sembra voler prendere le sue difese.

A questo punto vorrei fare una riflessione. E’ giusto screditare la reputazione di un personaggio illustre, in questo caso un accademico di fama internazionale, solamente in base a diffamazioni la cui verità è impossibile da dimostrare?

Inoltre nella maggior parte dei casi si tratta di episodi ormai datati, venuti a galla all’improvviso, quasi seguendo una moda (con tanto di hashtag #MeToo). La domanda è: perché proprio ora, perché non quando è successo? Molti dicono per paura di ripercussioni ma dobbiamo crederci?

E se il boom di denunce, che sta shockando il mondo dopo il caso Weinstein, sia dettato dall’opportunità di ricevere ingenti risarcimenti economici o dal desiderio di vendetta per un rapporto lavorativo che si è concluso in malo modo?

Difficile rispondere, di certo sono tutte ipotesi che non dovrebbero essere escluse in partenza. E con questo, ovviamente, non vogliamo schierarci dalla pare di Moretti o di chiunque altro sia accusato di molestie o almeno non ci sentiamo di farlo a priori.

Però riteniamo che prima di gettare fango addosso a qualcuno bisognerebbe verificare la fondatezza delle accuse perché è vero, chi subisce abusi sessuali ne soffre per tutta la vita ma chi è costretto a scontare delle colpe che non ha paga un prezzo ancora più grande.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0