Tempo di lettura: 2 Minuti

Mamma perchè non possiamo più recitare le preghiere in classe?

Mamma perchè non possiamo più recitare le preghiere in classe?

La circolare del dirigente di una scuola di Palermo vieta le preghiere prima della merenda e delle lezioni. Niente più Ave Maria o Padre Nostro p

Siena, vuoi studiare ma hai un figlio? No problem, ecco il Baby Point
Plastic-free: a Milano si parte dalle scuole
La scuola mista per eccellenza Sabin ristruttura il cortile all’insegna “dell’integrazione”

La circolare del dirigente di una scuola di Palermo vieta le preghiere prima della merenda e delle lezioni.

Niente più Ave Maria o Padre Nostro potranno essere recitati nella aule di una scuola materna comunale di Palermo. Così ha deciso il preside dell’istituto, Nicolò La Rocca, con una circolare che impedisce agli insegnanti di far recitare le preghiere ai bambini nell’ora della merenda e di religione. Il provvedimento sembra fatta apposta per suscitare polemiche, e riproporre il confronto tra laicità e libertà religiosa che si è trasformato spesso in scontro. Anche perché il dirigente scolastico non è andato affatto per il “sottile” facendo rimuovere anche i simboli sacri dai corridoi e anche alcune foto di Papa Francesco.

Un evento che ha lasciato di stucco i genitori, che hanno cercato di parlare con i propri figli per vederci chiaro sulla vicenda. Le preghiere che i bambini recitavano tutte le mattine saranno un lontano ricordo. Lo stupore ha coinvolto anche gli insegnanti, che lamentano il fatto che la decisione è stata presa senza che venissero consultati gli organi scolastici. Nel frattempo la scuola è stata già spogliata delle immagini sacre e probabilmente saranno rimosse anche dalle due succursali.

Il preside dal canto suo si mostra inattaccabile, sottolineando come la legge sia dalla sua parte. Nella circolare infatti fa riferimento al parere dell’Avvocatura dello Stato del 2009, secondo cui è da “escludere la celebrazione di atti di culto, riti o celebrazioni religiose nella scuola durante l’orario scolastico o durante l’ora di religione cattolica, atteso il carattere culturale di tale insegnamento”. Dunque per lui lo stop alle preghiere non è affatto una boutade. Insomma il dibattito tra laici e cattolici più che credenti e non credenti rischia di riaprirsi di nuovo, anche per l’influenza che la religione cattolica ha da sempre nella nostra società. E voi che ne pensate? Credete che il preside l’abbia fatta grossa oppure siete con lui?

#FacceCaso

Di Luca Pennacchia

COMMENTS

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar

    […] dall’altra. Lo stop alle preghiere in classe deciso dal preside di una scuola di Palermo, di cui vi avevamo parlato nei giorni scorsi, ha fatto molto rumore. Con il segretario della Lega Alessandro Pagano, che nei giorni scorsi ha […]

  • DISQUS: 0