Tempo di lettura: 3 Minuti

Cervelloni in fuga dalla Sicilia

Cervelloni in fuga dalla Sicilia

Secondo i dati Miur, la metà dei cervelloni delle università nell’isola se ne va in Nord Italia dopo la laurea. Una terra che si impoverisce prima anc

L’attesa dell’esito di un esame scritto: una tortura
Snapchat contro le bufale
Black Friday starter pack 

Secondo i dati Miur, la metà dei cervelloni delle università nell’isola se ne va in Nord Italia dopo la laurea. Una terra che si impoverisce prima ancora di sfruttare l’investimento.

I cervelloni si laureano, vedono com’è la situazione e poi se ne partono. Questa è la triste storia della Sicilia e dei suoi laureati più brillanti. Metà di loro varcano lo Stretto, e in particolar modo si avventurano nel “gelido” Nord Italia. Se si distinguono nella carriera scolastica, raggiungono massimi voti anche nel periodo accademico. Lode e altro, tutto inutile se poi non si può sfruttare il proprio studio nel luogo che ha investito su di te. Così la Sicilia vede tristemente andarsene i migliori.

Una emorragia di talenti che impoverisce di capitale umano a scapito del nord industriale.

I dati, che sono pubblicati dal Miur, racconta che su 1.405 laureati magistrali residenti in Sicilia, classici cervelloni, solo 766 hanno discusso la tesi e indossato il tocco in uno degli atenei siciliani. La bellezza di 639, ossia il 45,5 %, ha fatto le valigie e si è spostato.

Sono 34% in direzione Padania e dintorni, mentre 11,5% tra Lazio e Toscana.
Una fuga a cui la Sicilia dovrà porre rimedio offrendo qualcosa ai suoi laureati, soprattutto se non vuole perdere forza lavoro qualitativa.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0