Tempo di lettura: 3 Minuti

Cervelloni in fuga dalla Sicilia

Cervelloni in fuga dalla Sicilia

Secondo i dati Miur, la metà dei cervelloni delle università nell’isola se ne va in Nord Italia dopo la laurea. Una terra che si impoverisce prima anc

C’è distanza tra i giovani e i giornali
Un tasto per andare direttamente da Facebook a Whatsapp
Conferenza internazionale dei Rettori delle Università. Ecco di cosa si è parlato.

Secondo i dati Miur, la metà dei cervelloni delle università nell’isola se ne va in Nord Italia dopo la laurea. Una terra che si impoverisce prima ancora di sfruttare l’investimento.

I cervelloni si laureano, vedono com’è la situazione e poi se ne partono. Questa è la triste storia della Sicilia e dei suoi laureati più brillanti. Metà di loro varcano lo Stretto, e in particolar modo si avventurano nel “gelido” Nord Italia. Se si distinguono nella carriera scolastica, raggiungono massimi voti anche nel periodo accademico. Lode e altro, tutto inutile se poi non si può sfruttare il proprio studio nel luogo che ha investito su di te. Così la Sicilia vede tristemente andarsene i migliori.

Una emorragia di talenti che impoverisce di capitale umano a scapito del nord industriale.

I dati, che sono pubblicati dal Miur, racconta che su 1.405 laureati magistrali residenti in Sicilia, classici cervelloni, solo 766 hanno discusso la tesi e indossato il tocco in uno degli atenei siciliani. La bellezza di 639, ossia il 45,5 %, ha fatto le valigie e si è spostato.

Sono 34% in direzione Padania e dintorni, mentre 11,5% tra Lazio e Toscana.
Una fuga a cui la Sicilia dovrà porre rimedio offrendo qualcosa ai suoi laureati, soprattutto se non vuole perdere forza lavoro qualitativa.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0