Tempo di lettura: 2 Minuti

A Roma Tre presentata la Cattedra della Pace: il progetto dell’ONU parte da Roma

A Roma Tre presentata la Cattedra della Pace: il progetto dell’ONU parte da Roma

“Abdulaziz Saud al Babtain chair for peace” è stata presentata insieme alla Cattedra negli scorsi giorni nell’ateneo romano. Una conferenza internazio

Pagati per fare… nulla: borse di studio particolari all’università di Amburgo
Andrea Zilli, prof di ruolo under 30 che ha creduto nei suoi sogni
Storia di uno studente divenuto professore nel giro di un’estate

“Abdulaziz Saud al Babtain chair for peace” è stata presentata insieme alla Cattedra negli scorsi giorni nell’ateneo romano. Una conferenza internazionale svoltasi alla presenza di Luca Pietromarchi, l’attuale rettore dell’Università degli Studi di Roma Tre,  Luigi Moccia, presidente del Centro “Altiero Spinelli” della stessa università ed Abdulaziz Saud Al-Babtain, presidente dell’Al-Babtain Cultural Foundation.

L’Al-Babtain Cultural Foundation è un’associazione del Kuwait che insieme al Centro di eccellenza Altiero Spinelli ha dato vita al progetto “Al-Babtain Chair for Peace”. Questo è parte del progetto delle Nazioni Unite ‘Culture of peace for the security of future generations’, presentato lo scorso settembre.

Un’iniziativa che ha come scopo quello di sensibilizzare i mondi accademici internazionali, i professori e le organizzazioni non governative alla causa della Pace. Questo significherà la creazione di progetti educativi basati sulla cultura della pace che sarà inclusa nei programmi educativi e nei progetti didattici. Così ha spiegato Luigi Moccia, presidente del Centro di eccellenza Altiero Spinelli (CeAS) in un comunicato.

La sollecitazione fa riferimento a tutte le scuola di ogni grado, ma in particolare al mondo universitario. E’ significativo il fatto che il progetto non parta solo dall’Europa, ma proprio da Roma. Questo perché la città di Roma è simbolicamente  il punto di incontro dei rapporti diplomatici e di pace tra l’occidente ed il mondo mediorientale. Ma anche per via di una attività di cooperazione partita nel 2012, che ha visto coinvolti la Fondazione Al-Babtain e il CeAS proprio su questi temi.

La Cattedra per la Pace si propone di essere un punto di riferimento per il mondo accademico e non per quanto riguarda i temi oggetto della presentazione. Sempre secondo Moccia la sfida della globalizzazione e di un mondo fatto di scambi culturali ed economici sempre più rapidi, richiede una risposta di collaborazione internazionale che mantenga la pace dove possibile.

Questo lo scopo di questa Cattedra, che vuole portare i vari popoli a comprendersi meglio e a collaborare.

#FacceCaso

Di Alessandro Luna

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0